Cronaca

Scontro fra treni a Inverigo, viaggiatori feriti e paura. Trenord conferma: “Convoglio partito col rosso”

EDIT (22.04): Ancora politica. Interviene il Movimento 5 Stelle

“Dalle notizie finora trapelate fortunatamente non sembrerebbero esserci feriti gravi – commente Raffaele Erba, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle – Attendiamo comunque ulteriori conferme per fugare ogni dubbio.

Sicuramente la sicurezza dei pendolari deve essere la priorità che ci dobbiamo dare perché sono ancora molti i margini di miglioramento dei trasporti. La stessa priorità dovrà essere assunta anche da chi governa Regione Lombardia”.

EDIT (21.39): Anche Trenord conferma. Il treno ha lasciato la stazione col semaforo rosso.

Circolazione sospesa su linea Milano-Asso tra Arosio e Merone Il treno 1665 (Milano Cadorna 17.38-Asso 18.59) in partenza da Inverigo verso Canzo-Asso ha lasciato la stazione con semaforo rosso. Il macchinista ha immediatamente frenato, senza poter evitare il contatto con il treno 1670 (Asso 18.03-Milano Cadorna 19.22) che procedeva a bassa velocità nella direzione opposta, da Erba verso Milano. Trenord ha aperto un’inchiesta interna. In servizio autobus sostitutivi tra Arosio e Merone.

EDIT (21.23): Interviene l’assessore regionale ai Trasporti, Claudia Maria Terzi che parla di errore umano del macchinista. Sarebbe partito col rosso:

Sto costantemente monitorando l’evolversi dei fatti di Inverigo tenendo informato il presidente Attilio Fontana. Il primo pensiero è per le persone rimaste ferite nell’incidente ferroviario: per fortuna non ci risultano feriti gravi. A loro va tutta la nostra vicinanza”.

“Abbiamo immediatamente chiesto ai responsabili del servizio – ha aggiunto – di fornire tempestivamente una relazione puntuale su quanto accaduto stasera. Ci riserviamo di fare le valutazioni del caso non appena avremo tutti gli elementi a disposizione. Secondo le prime informazioni, però, lo scontro sarebbe stato causato dall’errore umano di un macchinista partito con il rosso”.
“Un grande ringraziamento ai soccorritori, alle Forze dell’ordine e alla Protezione civile per la consueta tempestività ed efficienza. Ci aspettiamo – ha concluso Terzi –
che si intervenga per limitare al massimo i disagi per gli utenti in attesa della riattivazione della linea”

EDIT (21.18): La questione diventa politica. Accuse immediate dal consigliere regionale Dem, Angelo Orsenigo:

Due treni sullo stesso binario è una circostanza che non deve accadere. Evidentemente ci sono stati errori o mancanze nei sistemi di controllo.

Ora si soccorrano i feriti, ai quali esprimiamo la nostra più viva solidarietà, ma chi gestisce il servizio ferroviario deve spiegare come sia potuto succedere e cosa farà perché non accada più. È passato poco più di un anno dall’incidente di Pioltello: francamente pensavamo che incidenti ferroviari in Lombardia non sarebbero più accaduti. Intanto chiediamo che martedì, durante la seduta di consiglio regionale, l’assessore regionale ai Trasporti Terzi riferisca in Aula.

EDIT (20.30):  Il numero pazienti alle 19:39 registrava 6 codici gialli (media gravità) ricoverati negli ospedali di  di Cantù, Erba, San Fermo e Lecco. 50 i pazienti in codice verde (bassa gravità).

LE PRIME NOTIZIE (19.29) E’ successo intorno alle 18.40, per cause tutte da chiarire due treni che viaggiavano sullo stesso binario si sono scontrati alla stazione di Inverigo (Milano-Asso). Un impatto a “bassa velocità”, spiegano i pompieri, che comunque ha causato diversi feriti (parrebbe non gravi) tra i passeggeri.

Tutta da chiarire l’origine dell’incidente. Sul fronte medico sono arrivate sul posto 2 automediche, tre ambulanze e l’elisoccorso.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata