Cultura e Spettacolo

Bellezze interiori: successo clamoroso, sold-out a metà pomeriggio. Si replica domani

Che l’iniziativa avesse un potenziale enorme lo immaginavamo, tanto che le abbiamo dedicato la prima pagina di Cultura su ComoZero Settimanale.

Che arrivasse a registrare sold-out a metà del pomeriggio del primo giorno probabilmente nemmeno gli organizzatori se lo aspettavano.

Così è andata come recita il cartello affisso sul cancello di Palazzo Lambertenghi (tra le principali attrazioni con il giardino segreto e punto di acquisto dei biglietti-braccialetti). Alla faccia del requiem Como-è-morta.

Palazzo Lambertenghi

Così avevamo raccontato, con Chiara Taina, il festival sul numero della scorsa settimana:

Quante volte, passando dalle vie del centro storico, abbiamo allungato il collo per sbirciare oltre il portone di qualche palazzo, lasciato insolitamente aperto, il cortile che si nasconde al suo interno? O quante volte, alzando gli occhi a guardare le mura, abbiamo provato a immaginare i giardini pensili di cui intravediamo solo qualche fioritura primaverile?

Palazzo Albricci (Ph: Pozzoni)

Sabato 21 e domenica 22 settembre tutte queste bellezze segrete saranno aperte al pubblico grazie a un progetto, già sperimentato con successo in altre città italiane, promosso dalla Cooperativa Sociale Tikvà con il contributo della Fondazione Provinciale della Comunità Comasca.

Bellezze interiori, questo il titolo dell’appuntamento, sarà, come raccontano gli organizzatori, “un’apertura non solo prettamente fisica dei cancelli, ma anche interiore verso l’altro per la realizzazione di un vero e proprio momento di condivisione urbano, contribuendo ad aumentare il valore e visibilità di una delle città più belle del mondo”.

Palazzo Albricci (Ph: Pozzoni)

Undici luoghi segreti, da Palazzo Lambertenghi (con il suo giardino e la sala affrescata da Giovanni Battista Recchi) a Villa Mantero con la Torre Gattoni (studio di Alessandro Volta), da Casa Albricci Peregrini alla casa natale di Volta, dal Conservatorio al Collegio Gallio passando per cortili privati e inaccessibili giardini pensili, si sveleranno per due soli giorni a chiunque avrà la curiosità di varcare quei portoni normalmente chiusi ai più.

Palazzo Stucchi (Ph: Pozzoni)

Ma non si tratterà solo di una semplice (per quanto rara) occasione di visita: eventi musicali e artistici, teatro, yoga e molto altro aspetteranno i visitatori secondo un calendario che verrà svelato tra qualche giorno. Un modo unico per scoprire (e vivere) alcuni dei gioielli segreti di Como che poi, a evento concluso, torneranno a nascondersi dietro ai loro pesanti portoni.

Palazzo Stucchi (Ph: Pozzoni)

BELLEZZE INTERIORI

Como, 21-22 settembre

info e acquisto biglietti online su bellezzeinteriori.it

Durante l’evento, i biglietti saranno acquistabili anche presso palazzo Lambertenghi,

via Lambertenghi 41

Ne approfittiamo dunque per ricordarvi il programma:

 

 

  1. mssmm

    ore 18:15 ca. , 21 set 2019
    Conservatorio di Como

    l’incredibile e l’imponderabile, un colpo di genio:

    il bravissimo chitarrista finlandese Timo Korhonen esegue il finale di Ursonate di Kurt Schwitters

  2. Gabriella Sassella

    Stupendo ooo ed emozionante

  3. Ottima iniziativa! Ho potuto fruire di luoghi meravigliosi e solitamente esclusivi. Una sola frecciatina all’Amministrazione Comunale: perchè non ha partecipato all’evento rendendo fruibili i giardini pensili del museo giovio/bocciofila? sarebbe stata un ottima occasione per inaugurare la messa in sicurezza con balaustre delle scalinate di accesso che tutt’ora, a distanza di 2 mesi dalla fine dell’opera, risultano ancora chiuse al pubblico…

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata