Politica

Autosilo Sant’Anna, Turba: “Possibile abbassare le tariffe. Orsenigo fa demagogia”

Accusato direttamente dal consigliere regionale del Pd di aver fatto da primo bastione contro la mozione che chiedeva di non distribuire più gli incassi dell’autosilo del Sant’Anna soltanto al Comune di San Fermo (mozione poi effettivamente bocciata), il sottosegretario regionale Fabrizio Turba (Lega) passa al contrattacco.
Nello specifico, il documento di Orsenigo puntava “a promuovere alcune specifiche azioni allo scopo di definire una differente gestione del parcheggio”.
Ma Turba parla di “un errore sia sul principio che sul metodo”.

“Esiste un accordo di programma sottoscritto da Regione Lombardia, Provincia di Como, Comune di Como, Comune di Montano Lucino, Comune di San Fermo della Battaglia e dall’ASST Lariana – sottolinea il sottosegretario comasco – che deve essere rispettato; sarebbe infatti grave se avvenisse il contrario. Ancor di più se si pensasse che lo stesso possa essere messo in discussione attraverso una raccolta firme o con altri sistemi più o meno pensati o improvvisati”.

“Se ci muovessimo in tal senso – ha rimarcato Turba durante il suo intervento – verrebbe meno la certezza del diritto e di qualsiasi contratto. Non è ammissibile far passare il concetto che sulla base di ondate demagogiche possano far venire meno le ragioni che hanno portato Istituzioni di diverso livello a trovare un punto di equilibrio”.

Ma Turba lancia anche una possibile novità, almeno a livello di principio: “Tutt’al più, al limite, si potrebbe discutere per una revisione al ribasso delle tariffe del parcheggio così da contemperare l’interesse generale dei numerosi utenti”.

Proprio a tal fine l’esponente della Giunta regionale ha fatto sapere che durante “l’ultimo Tavolo Tecnico avente oggetto l’Ospedale Sant’Anna, i rappresentanti dell’ASST Lariana hanno presentato la tematica ai soggetti presenti – Comune di Como e AST Insubria – , decidendo di sottoporre il tema all’attenzione del Collegio di Vigilanza allo scopo di definire una soluzione condivisa tra l’ASST e il Comune di San Fermo della Battaglia. Si può già prevedere un incontro per il mese di gennaio/febbraio 2020”.

“All’interno di enti pubblici – ha rimarcato Fabrizio Turba – ci sono procedure da rispettare e seguire perché imposte dalla legge. Regione Lombardia, ancora una volta, si dimostra concreta e sensibile alle istanze dei cittadini all’interno del piano giuridico-istituzionale. Alcuni consiglieri di opposizione, su tutti Angelo Orsenigo, anche su caso specifico, preferiscono il clamore mediatico e comportamenti demagogici; noi invece preferiamo continuiamo a perseguire la strada del ‘fare’ cercando di mettere in campo risposte adeguate nel rispetto dell’assetto istituzionale”.

  1. Giova

    “Se ci muovessimo in tal senso – ha rimarcato Turba durante il suo intervento – verrebbe meno la certezza del diritto e di qualsiasi contratto”. Perché invece la certezza del diritto è assicurata da una concessione di servizi senza pagamento di canone e senza limiti di tempo.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata