Politica

Butti, l’uomo del monte e i 5stelle: “Appetito pari a socialisti e democristiani”

Non la tocca piano, anzi. Il Senatore, ieri e oggi parlamentare, Alessio  Butti talora ama dire e non dire, sfiorare a spallate, accarezzare a schiaffoni. Un tratto fenotipico per la fenice comasca.

Uomo che ha sempre trattato la politica con il presentimento dell’atleta, quello che intuisce l’azione prima di compierla, nel bene e nel male. Alessio Butti è uno che legge tutto ma che, quando glielo chiedi, ti risponde: “Mi hanno detto del suo articolo, non l’ho ancora preso in mano”.

Il senatore si è affacciato qualche volta tra queste pagine.

‘Il Senatore’ torna deputato: “Nuova destra. Como? No rimpasto ma il Comune esca dall’impasse”

Como, è rissa Lega-Fratelli d’Italia. Butti e Maesani scatenati su Locatelli (e Landriscina)

Alessio Butti e ComoZero

Non è uomo di primo pelo, manco di secondo o di terzo. Da qualche settimana lo inseguiamo per un’intervista. Ma la fenice sfugge, vola alto, figuriamoci dopo il ritorno al monte, uomo del Montecitorio: non uno dei sette colli capitolini ma posto altrettanto nobiliare e capitale.

Alessio Butti

Poi l’intervista, nel nostro piccolo quotidiano, l’avremmo retroflessa al palazzo comunale, il Cernezzi con il suo Landriscina e le piccole beghe di tombino e quartiere di questa Como, fortezza Bastiani dell’impero italico. Ma niente. Sarà per tempi migliori.

Tutto questo per dire che in queste ore, su Facebook, il neoeletto deputato si lascia andare a un’osservazione sulle dinamiche pregovernative. Un pensiero molto simile al rapporto che oggi Fratelli d’Italia, suo partito, ha con la maggioranza che governa Como. Segno che, qualcosa, nelle prossime settimane, potrebbe cambiare. D’altronde il bisogno di destra, “destra sociale”, a destra ce l’hanno. E non l’hanno mai nascosto.

“Agli amici che mi chiedono le prime impressioni circa i sedicenti rivoluzionari nuovisti, meglio noti come 5 stelle, potrei rispondere dicendo che un tale appetito, relativamente alle poltrone da occupare, l’avevo riscontrato solo tra alcuni democristiani e socialisti nella fase crepuscolare della prima repubblica. I grillini hanno manifestato una evidente bulimia in prossimità di qualsivoglia poltrona libera”.

E il nostro piccolo lacustre, onorevole?

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata