Politica

Cantaluppi (FdI) demolisce piazza Grimoldi (e giunta Lucini): “I reperti per loro erano troppo sovranisti”

Blitz cultural-sovranista, durante l’ultimo consiglio comunale, del consigliere di Fratelli d’Italia (dell’ala”dura” di Fratelli d’Italia), Lorenzo Cantaluppi. In aula si dibatteva del Dup (Documento unico di programmazione) e in più interventi, a vario titolo, i consiglieri sono intervenuti su temi di natura culturale.

Poi, verso fine serata, ha fatto irruzione Cantaluppi che si è prodotto in un mini-sfogo chiaramente polemico sulla riqualificazione di Piazza Grimoldi operata dalla precedente giunta di centrosinistra guidata da Mario Lucini.

 

“Ho sentito parlare molto di cultura – ha esordito il consigliere di Fratelli d’Italia, riferendosi a interventi critici verso la giunta arrivati dalle opposizioni – Probabilmente ci si dimentica che la precedente amministrazione ha deliberatamente cancellato i resti archeologici rinvenuti in piazza Grimoldi durante i lavori di riqualificazione”.

Dove “riqualificazione” è stato volutamente sottolineato con il tono di voce a esprimere una chiara disapprovazione sull’esito finale. Che, in concreto, ha comportato la copertura totale dei resti che emersero durante i primi scavi e che di fatto sono stati catalogati come ciò che rimaneva della facciata più antica (poi demolita) della chiesa di San Giacomo. Per inciso, vennero alla luce anche 4 scheletri.

“Sono stati coperti pezzi di storia della città con qualche pianta e due fontane – ha attaccato Cantaluppi, sminuendo l’aspetto attuale di piazza Grimoldi – Probabilmente è stato ritenuto troppo sovranista voler valorizzare la storia del territorio. Per fortuna questa amministrazione ha agito in maniera contraria, recuperando e valorizzando le mura romane del Liceo Volta“.

  1. periferico

    definire “recupero e valorizzazione” la pulizia di una porzione di muro di fatto invisibile mi pare un po’ eccessivo, certo si è trattato di intervento necessario ma riconducibile alla definizione di manutenzione ordinaria (mai fatta)…. sarebbe bello che prima o poi si pensasse a valorizzare le mura e le torri medievali piuttosto.
    per quanto riguarda i reperti di piazza grimoldi sarebbe stato probabilmente interessante una soluzione un po’ più ricercata rispetto al semplice profilo metallico che oggi richiama la sagoma dell’antica facciata, tuttavia, più che il recupero dei reperti è la piazza stessa, con le scelte effettuate, che poteva essere meglio considerata, per non parlare delle opere effettuate al broletto. perchè se è vero che serviva un accesso migliore alla sala del Broletto, è discutibile il risultato ottenuto, con quelle terribili lastre di vetro che fanno vedere solo sporcizia, erbacce e impianti mal posizionati.

  2. giorgio

    Ammetto che non era facile buttare dentro a caso la parola “sovranista” in questo contesto, ma ce l’hai fatta pure questa volta..

    Daje Canta!

  3. Andrea

    Ma se proprio vogliamo fare a gara a chi ce l’ha più sovranista, allora piazza Grimoldi è in realtà la piazza più sovranista di Como, con i tigli che rimandano alla coltivazione dei bachi da seta e le due fontane che rimandano ai lavatoi che nei bei tempi andati le nostre nonne usavano per i panni…
    #ComoSovrana
    #LorenzoSpallinoPrimoDeiSovranisti
    #ProvaciAncoraCanta
    😉

  4. Gigi

    Ma adesso si usa chiamare “ala dura di FdI” quelli che si ispirano chiaramente al vecchio ventennio?

  5. Comino

    Brutto Lucini, bruuuutto. Brutto. E cattivo. Caaaattivo. Adesso possiamo continuare a non fare niente in pace. (Brutto).

  6. Luisa Corti

    Finalmente uno che parla schiettamente, bravo.

  7. Domenico Vandelli

    Periferico, la sporcizia e le erbacce alla base delle colonne del Broletto si vedono perché nessuno le pulisce.

  8. giorgio

    Ha detto bene: il massimo risultato di questa amministrazione si misura giusto nel togliere un telo che copriva vecchie mura..

  9. mssmm

    il primo sovranista di Novum Comum : gaiO GIULIO CESARE

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata