Politica

Cernobbio, Furgoni fuoco e fiamme di Natale: “Il 2019? Annus horribilis per la Riva”

Si prospetta un martedì sera di fuoco in consiglio comunale a Cernobbio, a giudicare dalla lettera con cui Paolo Furgoni, capogruppo di  “Con noi per Cernobbio”, ha presentato un’interrogazione “in merito alle scelte politiche sulla gestione di piazza Risorgimento”.

Nella lettera, il consigliere non risparmia munizioni, tenendo l’amministrazione di Matteo Monti bene nel mirino e definendo il 2019, l'”annus horribilis” della Riva del paese.

Molti i temi che si prospettano: non solo la gestione di piazza Risorgimento ma anche la questione dell’ex Onda e delle chiusure della Strettoia.

Tutti argomenti che Furgoni aveva affrontato sulle pagine di ComoZero a settembre.

Cernobbio, cannonate sulla Riva. Assalto Saladini-Furgoni: “Monti? Nessun progetto per Cernobbio”

Cernobbio, Monti risponde all’attacco delle opposizioni: “Ecco il mio piano per il futuro”

Riportiamo di seguito il testo firmato da Furgoni e che verrà portato in consiglio domani sera:

Alla conclusione di quello che si può tranquillamente definire l’annus horribilis di piazza Risorgimento ovvero della “Riva” di Cernobbio con l'”Onda” chiusa dopo decenni e la giostra con i sigilli del tribunale, con la desolazione conseguente che ha lasciato Cernobbiesi e turisti senza storici punti di riferimento.

Ritenuta l’Amministrazione responsabile per non aver predisposto per tempo il bando per l’assegnazione dell’Onda a differenza di quanto recentemente verificatosi per il Lido (appalto più complesso prevedendo la ristrutturazione e la gestione anche della piscina).

Constatato il fallimento dei Venerdì della strettoia a fronte del successo dell’esperienza della stessa nei martedì della Festa del Borgo, con una partecipazione inferiore rispetto alle aspettative dell’amministrazione.

Il Gruppo consiliare “Con Noi per Cernobbio”

CHIEDE

a questa amministrazione quanto segue:

1. Se risponde al vero che l’assegnazione della concessione sia avvenuta in base alla sola offerta economica e su estrazione, non valutando la qualità dei progetti presentati

2.A che punto sia la procedura, che lavori siano previsti e che tempi si prevedano per al riapertura della struttura

3.Quali siano i progetti di riqualifica per Piazza Risorgimento

4.Quali iniziative siano in programma a sostegno delle attività commerciali, in particolare se si prevedano per la prossima stagione, eventuali chiusure programmate della strettoia

 

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata