Politica

Consiglio comunale in diretta. L’adunata di Rapinese: “Cittadini in aula per la trasparenza”

“Da oltre un anno il gruppo consiliare Rapinese Sindaco chiede al Consiglio Comunale di Como, al Presidente del Consiglio Comunale, al Sindaco ed alla Giunta che i consigli comunali, come è sempre avvenuto prima dell’approdo di Landriscina a Palazzo Cernezzi, tornino ad essere trasmessi online (il servizio, per anni è stato un’iniziativa di QuiComo.it, Ndr)”.

Fulvio Anzaldo (a sinistra) e Alessandro Rapinese

Così Alessandro Rapinese, capogruppo di Rapinese Sindaco. La lista, anche di recente con gazebo e iniziative pubbliche, chiede che l’amministrazione avvii un servizio di livestream in occasione delle sedute.

“Quali sono i costi? – chiede l’ex candidato sindaco –  Nulli. La sala del Consiglio Comunale è già dotata di una potentissima Wi-Fi e, relativamente alla webcam, poche centinaia di Euro, ci siamo più volte detti disponibili all’acquisto e donazione al Comune, niente. non ci ascoltano. cincischiano. Nel palazzo non ci ascoltano. Nel palazzo sanno che se c’è trasparenza, la lista rapinese raddoppia i propri consensi di elezione in elezione. I partiti si sono arroccati nel palazzo e stanno interompendo le comunicazioni”.

Così l’iniziativa, un appello pubblico, con evento in memo su Facebook, perché i cittadini si presentino in aula.

“Adesso chiediamo aiuto a te – scrivono dalla Lista – muovi le chiappine e vieni in Comune. Fatti vedere. Fatti sentire. Se non ti fai vedere e non ti fai sentire i partiti, tutti (destra sinistra e grillini), penseranno di poter continuare con la loro opacità”.

“L’evento durerà mezz’ora. Alle 20:15 in punto devi essere nella sala del Consiglio Comunale ed alle 20:45 sarai libero. Pensi di poter dedicare mezz’ora alla tua città per renderla più trasparente e civile?”

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata