Politica

Viale Varese, Dem contro Maesani e FdI: “Erano scomparsi, perché spuntano solo ora?”

Sasso dopo sasso la frana prende forma e vigore. Il caso del nuovo parcheggio (ipotizzato) di viale Varese gonfia le ultime balneari polemiche pre-agostane. Nell’arco di 24 ore si è consumato un po’ di tutto. L’azienda proponente, Nessi&Majocchi, infuriata col Comune, l’ammministrazione che, colpo di spugna, cancella l’assemblea pubblica sul tema, la truppa delle associazioni che si autoconvoca comunque.

Viale Varese, parcheggio. Quel pasticciaccio brutto dell’assemblea. Majocchi: “Convocati ieri”

Viale Varese, raduno in biblioteca. Gaber, imbarazzo, opposizioni (quasi) assenti ma all’attacco

Sono le chiare titubanze dell’amministrazione sulla reale fattibilità del Project Financing a scatenare la frusta delle opposizioni:

Viale Varese: serata il 26. Rumors dal Comune: il sì a Nessi&Majocchi non è (più) scontato

“Tanto tuonò che piovve: in una bella mattina di fine luglio scopriamo, all’improvviso, che la pantomima di viale Varese si sta per risolvere in un nulla di fatto perché molto probabilmente il progetto non si realizzerà. Ma intanto, una parte del centrodestra tenta ancora, disperatamente, di buttare la croce addosso a noi”, accusano Tommaso Legnani, Stefano Fanetti, Patrizia Lissi e Gabriele Guarisco, segretario e consiglieri comunali del Pd.

Poi l’attacco a Patrizia Maesani, capogruppo di Fratelli d’Italia e presidente della Commissione che ha trattato il tema del parcheggio:

Parcheggio in viale Varese e proteste, l’artiglio di Maesani graffia “il partito dei Carini”

“La capogruppo di Fdi, forse incaricata dal resto della coalizione, parla della Commissione, sostenendo che sia pubblica: certo, ma non ha nemmeno un centesimo delle potenzialità di partecipazione della cittadinanza di un’assemblea tematica. E lei dovrebbe saperlo bene: in Commissione non tutti possono prendere la parola e l’assemblea tematica è uno strumento formale previsto da un regolamento comunale per l’interlocuzione tra la cittadinanza e l’amministrazione – incalzano i quattro esponenti dem –. Poi, dice in sostanza che noi dovevamo organizzare un incontro pubblico sul progetto degli ingegneri Monza, Tavola e Zizolfi: e perché? Non si capisce. La questione infatti è un’altra: i cittadini vogliono intervenire in generale sull’idea di posteggi in viale Varese, non tanto sul progetto A, B o C. Per questo stesso motivo non ha avuto senso dire che i progettisti non potevano partecipare all’incontro e dunque è dovuto saltare. La partecipazione dei comaschi non riguarda i progetti precisi, riguarda le scelte di fondo. In questo senso, noi sosteniamo l’idea delle associazioni di raccogliere le 400 firme e obbligare l’amministrazione a fare comunque l’assemblea”.

Non solo: “Se i cittadini chiedono di potersi confrontare con l’amministrazione, come i regolamenti consentono loro, l’amministrazione ha la responsabilità, oltre che il dovere, di garantire loro questo diritto – aggiungono –. E se invece è il Comune a convocare i cittadini per un’assemblea tematica, lo fa seriamente, oppure fa una figuraccia. Al contrario, se tutto è già deciso, lascia perdere”.

Infine, concludono Legnani, Fanetti, Lissi e Guarisco, “non capiamo perché Fdi se ne salta fuori solo ora su viale Varese, dopo che è praticamente scomparsa durante tutta la discussione. Anche se adesso è chiarissimo un aspetto: è solo un problema politico, perché a quanto pare i tecnici del Comune conoscono molto bene il progetto e hanno già chiarito agli amministratori che non è il caso di farlo”.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata