Politica

Di Maio: “Lino Banfi per l’Unesco”. E il Pd di Como si scatena negli sfottò

Inutile nasconderlo: l’annuncio del vicepremier Cinque Stelle, Luigi di Maio, sulla designazione di Lino Banfi come rappresentante dell’Italia nella Commissione Unesco ha stupito molti, se non proprio tutti.

Di sicuro, ha sorpreso e stimolato la vena sarcastica del Pd di Como che si è letteralmente scatenato nel commentare la notizia.
La pagina Facebook ufficiale del Pd della provincia di Como, ad esempio, ha pubblicato questo commento: “Dopo la nomina di Lino Banfi all’UNESCO ci aspettiamo quella di chef Cannavacciuolo alla FAO e di Giovanni Muciaccia all’UNICEF (sarebbe meglio il Mago Forest ma è probabilmente troppo qualificato per i canoni cinque stelle)”.

Una presa in giro colossale, che però rischia quasi di impallidire di fronte alle frasi caricaturali vergate nero su bianco dal segretario provinciale dei dem, Federico Broggi, ancorché sul proprio profilo del social.

“EH NIENTE – scrive Broggi – non è Lercio, l’hanno nominato per davvero. Della serie: non sappiamo più come farci prendere per il culo!”
Immancabile, infine, un hashtag in pieno stile pugliese con la frase seimbolo di Banfi pronunciata in tanti film: “#ecchecchezzo!”.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata