Politica

Elezioni provinciali: vince il listone Bongiasca. Colpaccio Fratelli d’Italia, male la Lega. I nomi

Scossa (almeno nel centrodestra) a Villa Saporiti. Il cosiddetto listone misto Pd-civici-Fratelli d’Italia vince sulle altre due liste concorrenti firmate Forza Italia e Lega. I voti sono ufficiosi ma è difficile possano cambiare da qui alla proclamazione finale prevista per le 17.

Ben 6 gli eletti di “Candidati civici per la Provincia” grazie ai 31.430 voti della lista: in area dem Paolo Furgoni (ex sindaco di Cernobbio), Simone Moretti (sindaco di Olgiate), Federico Bassani (sindaco di Lurago d’Erba); poi il civico Francesco Cavadini (sindaco di Brienno) e poi – vero colpaccio della giornata elettorale – due esponenti di Fdi, ovvero Claudio Ghislanzoni (consigliere a Erba) e Antonella Patera (consigliere a Como, passata da Forza Italia a FdI).

Forza Italia nelle vesti di Orizzone Comasco (22.588 voti) porta 4 consiglieri, oggettivamente un buon risultato per gli azzurri: Mario Pozzi, Matteo Redaelli, Davide Gervasoni e Maria Grazia Sassi.

Male la Lega (13.781 voti di lista): eletti soltanto Giampiero Ajani e Maurizio Cattaneo.

EDIT: 17.31 – ECCO IL DETTAGLIO DELLE PREFERENZE

ELEZIONE CONSIGLIO PROVINCIALE 07 APRILE 2019

ELETTI

LISTA N. 1 ORIZZONTE COMASCO

  1. Sassi Maria Grazia 3777

  2. Pozzi Mario 5496

  3. Redaelli Matteo 3972

  4. Gervasoni Davide 4236

LISTA N. 2 CANDIDATI CIVICI

  1. Bassani Federico 3482

  2. Cavadini Francesco 2729

  3. Furgoni Paolo 4407

  4. Ghislanzoni Claudio 3334

  5. Moretti Simone 4311

  6. Patera Antonella 3559

LISTA N. 3 LEGA COMO

  1. Ajani Giampiero 2901

  2. Cattaneo Maurizio 4490

 

 

  1. Gioele

    Non è impossibile capire cosa ci sia dietro le scelte politiche del PD a Como, è semplicemente inutile.
    Hanno formato una lista civica con FdI. Una decisione che ha disorientato molti Amministratori locali di centro sinistra. In conclusione, risultano eletti 4 consiglieri di centro-sinistra e 8 consiglieri di centro-destra. Se avessero presentato una lista con soli candidati di centro-sinistra, avremmo avuto probabilmente lo stesso risultato senza disorientamenti.
    Forse temevano di far eleggere qualcuno meno “dem” di quelli di FdI? …..rispondere non è impossibile, è inutile…..

  2. penna tagliente

    Che schifo…

  3. sinigagl

    Mamma santissima che schifo.
    E questi vorrebbero essere alternativi alla destra mentre la legittimano in questo modo?
    Che pena.

  4. mssmm

    le amministrazioni provinciali: minestre riscaldate di nulla ?; ma cosa fanno tutto il giorno? ??

  5. Roberto Pozzi

    Niente di nuovo sotto il sole. Operazioni già viste in Comunità Montana e in occasione delle varie (tentate o riuscite) fusioni. Attorno ad un grosso personaggio, come l ‘attuale presidente provinciale: franza, spagna e alemagna…

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata