Politica

Fermi e Caprani accolgono Mainardi e i suoi “fratelli” in Forza Italia: foto simbolo e parole

Inutile nasconderlo: al di là delle tante parole spese oggi, la cosa che fa più impressione è la foto di gruppo. Vedere l’ex segretario provinciale di Fratelli d’Italia, Marco Mainardi, assieme al nutrito gruppo di altri ex del partito di Giorgia Meloni, tra i due big di Forza Italia, Alessandro Fermi e Mauro Caprani, colpisce.

L’immagine nella neofamiglia forzista è di stamattina, quando nella sede comasca di Forza Italia è stato ufficializzato il maxipassaggio degli ex meloniani.

Entrano dunque nel partito di Silvio Berlusconi, oltre a Mainardi, anche: l’ex coordinatrice di Gioventù Nazionale ed ex componente dell’assemblea nazionale di Fratelli d’Italia, Marta Molteni, l’ex candidata per la zona dell’erbese alle regionali del marzo scorso, Barbara Magni di Inverigo, l’ex presidente del circolo per l’Olgiatese, Ornella Ardenti, l’ex coordinatore cittadino di Mariano Comense, Emanuele Di Febo, Giuseppe Gagliardi ex responsabile di Faloppio, il marianese Maurizio Barni e Anna Arnaboldi ex responsabile per Appiano Gentile.

“Ringrazio chi ha deciso di fare questa scelta – ha detto il presidente del consiglio regionale, Alessandro Fermi – Fa veramente onore a loro aver deciso di passare a Forza Italia in un momento in cui, oggettivamente, il partito non brilla di luce propria e non attraversa il momento migliore della sua storia. Ma questi nuovi arrivi, tutti importanti, nascono anche se non soprattutto da legami personali, prima ancora che politici in senso stretto”.

Fermi, tra l’altro, ha anche rilanciato l’auspicio che “in autunno, in Forza Italia possa prendere il via una vera stagione congressuale per aggiustare la linea politica, aggiornare le idee e tornare sempre più vicini ai cittadini e ai nostri elettori. In questo senso – ha aggiunto – a settembre faremo un incontro aperto a tutti a livello provinciale, una giornata di ascolto e di proposta per il futuro del partito”.

“Sono felice e onorato di accogliere un gruppo di persone serie e motivate – ha detto il coordinatore provinciale di Forza Italia, Mauro Caprani – Lavoreremo assieme sell’interesse della politica del territorio”.

Marco Mainardi, l’uomo simbolo del massiccio passaggio da FdI a Forza Italia, ha scansato le polemiche: “In Fratelli d’Italia erano venute a mancare le condizioni indispensabili per fare politica in maniera serena, e questa è stata una sensazione condivisa con tutto il gruppo che ora è qui in Forza Italia. Questo non toglie che a livello personale ho mantenuto ottimi rapporti, l’esperienza in Fratelli d’Italia ha avuto tanti aspetti positivi e anche nei giorni dell’addio i toni sono rimasti civili e soft”.

Rispetto ai molti che lo hanno seguito nel passaggio a Forza Italia, Mainardi ha affermato che “sono rimasto stupito anche io da quante persone che avevano iniziato con me questa avventura 5 anni fa hanno condiviso la scelta. Non è stato semplice per nessuno, ma voglio dire che questo non è un salto nel buio”.

“Con Fermi, Caprani e moltissimi altri dirigenti di Forza Italia c’è da anni un rapporto di stima personale e di collaborazione politica nel centrodestra. Abbiamo condiviso varie battaglie e ora lavoriamo tutti per allargare il consenso di Forza Italia”. Nello specifico Mainardi si occuperà del neodipartimento per la piccola e media impresa del partito comasco: “Le aziende hanno bisogno di ascolto e aiuto, il rilancio di tutto il territorio parte anche da lì”.

  1. Carlo

    Il partito ha cambiato pelle nel segno della continuità Fermiana.

    Fermi ora è indubbiamente il dominus della situazione e si è circondato da persone di peso, sicuramente ora il radicamento sul territorio è più forte per Fermi , peccato che a loro il territorio non interessa , o meglio interessano i voti per accrescere il loro potere.
    Ancora più abbandonati .

  2. hakluyt

    C’è una domanda che mi pongo da un bel po’ di tempo: cosa invoglia a militare in un partito che fa riferimento ad un pregiudicato ???

  3. Rumi

    È’ la stessa cosa che mi chiedo io @hakluyt! Come ha fatto il 32% di italiani a correre dietro ad un condannato per omicidio colposo! Alias Bebbe?

  4. hakluyt

    Dai Rumi, lo sai benissimo che mi riferivo al Berlusca…

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata