Politica

Forse sarà più facile parlare con il sindaco. Rinaldo Belluschi “spin doctor” di Landriscina

Chissà se servirà anche per rispondere più spesso ai pur assillanti cronisti a caccia di una dichiarazione o di una notizia. C’è da augurarselo. Per ora, però, di sicuro c’è soltanto che che il dottor Rinaldo Belluschi, già medico specialista in medicina dello Sport e assessore per due mandati al Comune di Appiano Gentile, entra a far parte dello staff del sindaco Mario Landriscina a Palazzo Cernezzi.

Lo farà a titolo gratuito e su espressa volontà del primo cittadino che lamenta “l’esigenza di essere affiancato, nello svolgimento di alcune delle proprie attività, da una figura di supporto, dotata di comprovate professionalità e esperienza amministrativa”, visto anche che “è stata verificata l’impossibilità di distogliere il personale comunale in servizio dalle mansioni assegnate ed è pertanto necessario ricorrere a personale esterno all’Ente”.

Dunque ecco la scelta caduta su Belluschi, con cui perlatro la conoscenza di Landriscina pare di vecchia data.

Nello specifico, l’aiuto del professionista a Landriscina si concretizzerà attraverso “il compito di relazionare al Sindaco in merito alle richieste/proposte/problematiche rappresentate dai cittadini”; e poi in “attività di raccordo tra il Sindaco e l’addetto stampa”.

Un tentativo di identica natura e con identiche finalità, a dire il vero, era già stato tentato all’inizio del mandato con l’ex comandante dei vigili (e ora esponente della nuova Democrazia Cristiana sul Lario) Vincenzo Graziani. Non andò bene.
Nella speranza che finalmente sia più facile interloquire con il primo cittadino, c’è da incrociare le dita affinché l’esito, questa volta, sia migliore.

  1. ol Tivan - il vento del lago di Como

    nelle premesse elettorali non vi era quella di eliminare o per lo meno ridurre la burocrazia?
    Dunque vi è un Sindaco che ha il suo addetto stampa che dovrebbe interpretare e rendere pubblico e capibile quanto il Sindaco dice o quello che il Sindaco pensa o fa. Ma evidentemente non si capiscono e anzichè prendere un addetto che capisca, si mette un interprete tra i due. Il sindaco parla con il suo esperto consigliori che poi parlerà con l’addetto stampa. Vi ricordate il gioco del telefono senza fili ? il primo a parlare diceva rosso il secondo fosso il terzo osso e si finiva con masso.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata