Politica

Forza Italia boicotta il supervertice. Le zarine vanno alla guerra: “Azzurri coerenti? Ritirate anche Veronelli”

Aveva annunciato un’accelerazione, eccola. Nel pieno della più grave crisi dell’ultimo anno e mezzo di mandato Mario Landriscina ieri è stato molto chiaro: “Vertice entro tre giorni, poi si chiude”.

Foto, Carlo Pozzoni

E il vertice c’è stato, stamani a mezzogiorno. Summit convocato già a metà settimana ma che si pensava sarebbe slittato a causa dell’indisponibilità annunciata da Forza Italia.

Il commissario provinciale azzurro, Mauro Caprani, pubblicamente pare abbia parlato di impegni pregressi ma è chiaro a che l’assenza di oggi sia solo l’ennesimo tassello di un braccio di ferro che va avanti da settimane. Nemmeno il neocapogruppo, Enrico Cenetiempo, si è riuscito a liberare. Evidentemente è un sabato gravoso di impegni in casa dei berlusconiani.

Enrico Cenetiempo, a destra, con il collega di gruppo, Luca Biondi

Dunque tutti al tavolo di Mario con il convitato di pietra a incombere. Lega, Civica e Fratelli d’Italia erano presenti con i rispettivi segretari e/o leader.

Particolarmente silenzioso il segretario provinciale dei Fratelli, Stefano Molinari.

Vicerversa pare ben attrezzate alla guerra le inseparabili zarine: Alessandra Locatelli e Elena Negretti.

Siamo alla pura ricostruzione ma abbiamo uccellini a Palazzo assai affidabili. Le due hanno bombardato gli alleati azzurri: “Se hanno ritirato gli assessori per dare uno scossone – è in sintesi quanto avrebbero detto  – allora per coerenza avrebbero dovuto rinunciare a tutti gli incarichi compresa la presidenza del consiglio”.

Ruolo coperto da Anna Veronelli che, peraltro, è stata fortemente contestata in questi giorni per la scelta di abbandonare il Consiglio – insieme con il gruppo forzista – lunedì sera (qui la cronaca). “La presidenza è sinonimo di garanzia – è stato detto da più parti sia in maggioranza che in opposizione – un atto politico di tale portata fa cadere il patto fiduciario”. (Infatti si vocifera ci sia una mozione di sfiducia già pronta).

Assist perfetto per arrivare alle parole di Locatelli e Negretti.

Non si tratta di un mero attacco personale a Veronelli o a Forza Italia nell’ambito di una guerra interna, non solo almeno. L’azione delle due è più sottile e riguarda tutti gli equilibri futuri della giunta, le rappresentanze interne all’esecutivo, i pesi. D’altronde, l’incarico di presidente, nel più tradizionale scacchiere politico vale come quello di un assessore.

In consiglio i movimenti sono tutt’altro che ultimati e il mercato acquisti è ancora aperto. La Civica è stata cannibalizzata dagli alleati, Antonella Patera (come ampiamente annunciato) dopo aver lasciato i forzisti è transitata momentaneamente nel Misto e lunedì dovrebbe entrare in Fratelli d’Italia. Destino simile, in teoria, anche per Tony Tufano (sempre ex azzurro pure lui nel Misto) ma assai abile nel condurre trattative su tavoli diversi. Poi c’è la somma questione Pettignano, tecnicamente ancora assessore (con dimissioni nella tasca del sindaco), ora passato ai meloniani. C’è la precisa volontà forzista di far rientrare la veramente uscita Amelia Locatelli più un nuovo nome (anche se il partito continua a ripetere come un refrain: “Non è necessario si rientri, possiamo sostenere la maggioranza comunque”).

Insomma, meglio chiudere il Cencelli per evitare lo stordimento. Una cosa è del tutto evidente: in queste ore la politica (tutta) è nuda e mostra il volto mostruoso, quello meno comprensibile a chi il Cernezzi lo chiama semplicemente Comune, cioè il posto dove fare Carte di Identità e sbrigare pratiche.

  1. Gigi

    La speranza che se ne vadano presto a casa ce l’abbiamo in molti.

  2. Renato Acquistapace

    Caro Gigi, vedo che sei un convinto sostenitore del ” tutti a casa”. Lascia che ti dica una cosa. Anche io sarei un po’ della tua opinione, con una differenza; questo ” rompete le righe” nel caso dovrà essere un punto di arrivo e non di partenza.

  3. Gigi

    Sig. Renato, io sono semplicemente contro questi teatrini, che nulla hanno a che fare con la buona politica e, soprattutto, fanno solo del male alla nostra città.
    Quanto alle Zarine, mah, fossi in loro tornerei sul pianeta terra.

  4. antonello

    forza italia è l’unico responsabile di questo sfacelo e pagherà un conto salato visto che ormai per colpa loro cadrà il governo cittadino con Rapinese che stravincerà, ancora parlate con un politichese vecchio e decaduto dicendo “questo ” rompete le righe” nel caso dovrà essere un punto di arrivo e non di partenza” ma di cosa state parlando! la gente ne ha piene le scatole di queste persone! cambiate mestiere…..

  5. Renato Acquistapace

    @Antonello mi pare che quanto scritto sia espresso con parole semplici e chiare per tutti. Se vuoi potrei usare parole differenti e magari moderne. Tipo che bisogna creare le condizioni politiche per poter tornare ad un’azione amministrativa coerente con il programma presentato nell’ interesse dei cittadini comasco, anche sperimentando nuove esperienze al fine di verificare la possibilità di convergenze parallele ( sic) con supercazzola a sinistra…
    Va meglio così?
    P.S. Non ho intenzione di cambiare mestiere, quello che faccio mi gratifica sotto tutti i punti di vista.

  6. Rumi

    Quando si mantiene la posizione di vicesindaco di Como e deputato della repubblica vuol solo dire ingordigia di poltrone! Mi dispiace che il sindaco che stimo in quanto suo elettore, non veda l’incopatibilita’ pratica dei due ruoli, quindi a questo punto mi viene da chiedermi e’ lecito conoscere a quante riunioni di giunta ha partecipato la zarina? È come fa’ una impegnata nei palazzi romani a svolgere seriamente le due funzioni? Sig. Sindaco rimetta le mani sulla città’ e sui cittadini vogliamo vedere i fatti di cui era pieno il suo programma, al momento non si vedono ed è’ troppo facile dare la colpa alla politica o a qualche dirigente incombente!

  7. hakluyt

    Un solo appunto, Rumi: il programma di Landriscina (come tutti i programmi elettorali, del resto) non “era pieno di fatti” ma di promesse…

    • Gigi

      Si, di promesse non mantenute …

      • hakluyt

        Come TUTTE le promesse elettorali…

  8. Franco B.

    Del tutto inadeguate è l’unica cosa da dire, altro che zarine.

  9. Rumi

    Raga non sono nato ieri anzi! Lo so che sono promesse politiche ma da un candidato che si è’ presentato con quel curriculum speravo in ben altro che piegare la schiena alla lega! D’altronde lo dimostra il grado di gradimento nel sindaco dei cittadini!

  10. hakluyt

    Rumi, non prendertela com me.
    Sei tu che vuoi “vedere i fatti”; se non te li fanno vedere non è colpa mia…

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata