Politica

Forza Nuova, ronde anti-furto a Figino. Il sindaco Moscatelli (Lega): “Grave, mi dissocio”

“A seguito dell’escalation di furti delle scorse settimane, i militanti forzanovisti lariani hanno effettuato la passeggiata della sicurezza tra le vie di Figino Serenza. Questa è la prima delle prossime uscite che verranno fatte anche a fronte di segnalazioni di cittadini presenti nel canturino”.

Questo è quanto comunicato dalla sezione comasca del partito neofascista che nella notte di ieri ha tenuto una ronda a Figino Serenza, condividendo alcune foto dell’azione attraverso i propri canali stampa.

Le immagini della “passeggiata della sicurezza” ritraggono quattro persone (più una quinta che ha scattato la foto e di cui è ben visibile il dito) di spalle camminare per strada e un manifesto che legge “Aggressioni, degrado, caos, volontari per la sicurezza. Scendi in strada”.

Como, blitz etnico di Forza Nuova contro i negozi cinesi: “Coronavirus? Compra Italiano”

“Nessuno in Comune era a conoscenza di questa iniziativa – ha spiegato il sindaco leghista di Figino Serenza, Roberto Moscatelli – queste sono ronde non autorizzate da cui ci dissociamo completamente. Non vogliamo che ci siano dei precedenti”.

“Questa è una cosa molto grave – ha continuato il sindaco, a cui è stato chiesto se fosse preoccupato di apprendere che un gruppo neofascista sia attivo sul territorio del comune da lui amministrato – la gravità prescinde l’appartenenza politica. Avrebbero potuto essere neofascisti, Sardine o comunisti e non sarebbe cambiato nulla”.

Moscatelli ha poi continuato riconoscendo che il problema sicurezza tanto a Figino quanto in tutta la provincia di Como sia un dato di fatto.

Sulle future contromisure, vista la promessa di Forza Nuova di ripetere le ronde, il sindaco ha commentato: “Non possiamo autorizzare iniziative non previste dalla legge. Senza autorizzazioni le cose non si fanno. Siamo per il rispetto delle regole”.

La “passeggiata della sicurezza” neofascista marca la seconda azione del partito in poco più di una settimana, dopo il deplorevole raid etnico contro diversi negozi cinesi del canturino e del comasco.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata