Politica

Fratelli d’Italia, Mainardi: “Il mio è un passo di lato, scelta personale. Cerco nuovi stimoli”

“Il mio è un passo di lato. Una decisione personale dopo 4 anni e mezzo di lavoro a servizio del partito. Non sono stato cacciato da nessuno e non ho litigato con nessuno. Mi pare normale, a un certo punto, lasciare spazio ad altri e cercare nuovi stimoli”. Marco Mainardi, il coordinatore provinciale uscente di Fratelli d’Italia, interviene sul rumor clamoroso delle ultime ore: il suo (pressoché certo) addio al vertice comasco del partito di Giorgia Meloni (con l’ex assessore comunale Stefano Molinari in pole position per la successione).

“Per domani era già fissato da tempo un incontro con i miei dirigenti – afferma Mainardi – Quella sarà la sede unica per qualsiasi decisione. Per conto mio, preferisco parlare di un passo di lato, come dicevo prima. Sono sempre stato contrario ai ruoli a vita, non faccio eccezioni. Ma questo non toglie il fatto che non ho litigato con nessuno, anzi mantengo buoni rapporti con la stragrande maggioranza di Fratelli d’Italia. Poi è chiaro che non si può andare d’accordo con tutti. Intanto, comunque vada, sono un dirigente nazionale del partito”.

Eppure, le indiscrezioni su contatti forti con Forza Italia circolano. In abbondanza (e noi le confermiamo totalmente pur nei limiti, ovviamente, di una notizia ufficiosa e destinata a non concretizzarsi in poche ore, ovviamente ndr)
“Ho buoni rapporti con Forza Italia e anche con la Lega, certo, in questi anni è sempre stato così – dice Mainardi – Ma questo non significa affatto essere pronti a farne parte, assolutamente. Dunque non c’è alcun terremoto nel centrodestra”.

Prendiamo atto, ovviamente. E il tempo dirà se davvero non vi saranno novità su questi fronti incrociati. L’altra notizia possibile riguarda l’addio a Fratelli d’Italia di una decina tra dirigenti e militanti, anche in questo caso con un orizzonte (vicino o lontano che sia) che guarda a Forza Italia.
“Non ne ho idea – risponde Mainardi – Non posso sapere se il fatto che non sarò più io a essere coordinatore provinciale possa determinare altri movimenti o se invece nel partito saranno tutti contenti”.

In chiusura, Mainardi torna sulla vita interna a Fratelli d’Italia. “Alcuni hanno contestato il mio operato? Non saprei, nella teorica riunione dove questo sarebbe accaduto io non ero presente perché in vacanza. E nessuno mi ha riferito in seguito”.

redazionecomozero@gmail.com

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata