Politica

Giunta Fontana, Orsenigo: “600mila comaschi presi in giro. Turba, delega minore”.

 

“È il quarto mandato consecutivo che Lega e Forza Italia impediscono a Como di avere una rappresentanza in Regione Lombardia. E questo nonostante il peso del numero di voti espresso dalla nostra provincia per l’elezione di Fontana”.

Angelo Orsenigo, neoeletto consigliere regionale comasco del Pd, parte lancia in resta dopo l’ufficializzazione della giunta Fontana  di questo pomeriggio. Il tema quello che ha dominato il dibattito negli ultimi giorni, l’assoluta assenza di lariani nell’esecutivo, considerando peraltro che il forzista Alessandro Fermi è stato eletto a valanga in terra lariana con oltre 8mila 600 voti.

Giunta ufficiale: nessun assessore comasco. Turba sottosegretario, Fermi presidente del consiglio

Caso Fermi, il sottosegretario Fabrizio non si turba: “Faccende di Forza Italia”

“Ma il presidente non ha ritenuto di rispondere alle legittime aspettative del territorio – accusa ancora Orsenigo – e ha nominato nella sua Giunta solo un comasco in veste di sottosegretario con la delega minore dei Rapporti con il Consiglio regionale. Dopo 13 anni ci aspettavamo ben altro dalle forze politiche che governano da oltre due decenni questa Regione”.

“Quello che stupisce è che siano state disattese le promesse che Fontana aveva fatto a Como e non siano stati in alcun modo tenuti in considerazione 600mila cittadini comaschi, presi sonoramente in giro dal centrodestra – continua Orsenigo –. Evidentemente, le scelte vengono fatte su altri tavoli e tenendo conto di altri interessi, diversi da quelli di rappresentatività e di equità”.

In favore di Fermi assessore si erano addirittura mobilitate alcune truppe del Pd comasco

Da Cantù a Brenna, il Pd sta con Fermi. Spinelli, Di Gregorio, Pastorello: “Deve fare l’assessore”

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata