Politica

Giunta Landriscina tra Vietnam e prati in fiore. Nomi, deleghe, trappole: romanzo rimpasto

La partita che si è giocata questa mattina a Palazzo Cernezzi tra il sindaco e tutti i rappresentanti politici delle liste di maggioranza conclamata (Insieme per Landriscina, Lega, Fratelli d’Italia) o tentennante (Forza Italia), è tripla. Forse quadrupla se inseriamo anche le tensioni che pervadono il quintetto su singoli temi, vedi la deflagrazione di questa settimana con le abissali divergenze di vedute sul dormitorio tra Fratelli d’Italia e Lega.

Nuovo dormitorio, Locatelli stronca Fratelli d’Italia: “Mai con soldi o immobili del Comune. Si vuole un nuovo 2016?”

Dormitorio, tsunami Ferretti (FdI) sulla ‘dittatrice’ Locatelli: “Non vede la realtà o fa finta. C’è un voto e si rispetta”

In un ordine di difficile posizionamento gerarchico, i punti sono questi: il tentativo (soprattutto del sindaco, che ha vinto non poche riluttanze nel riunire anche i forzisti al tavolo) di ritrovare la compattezza del 2017 per assicurarsi un ultimo biennio e mezzo di mandato più scorrevole, aspirazione che non può prescindere dal rientro dei berlusconiani in giunta; poi c’è il tema dei nomi degli assessori da sacrificare sull’altare dell’eventuale rimpasto (che comunque non è più un tabù) e, legati a filo doppio, quelli nuovi da inserire per i rientranti azzurri; infine – punto forse veramente decisivo per l’esito del tutto – le deleghe da redistribuire in giunta in caso di “remix” o “reboot”.

Sul primo punto (l’ambizione di tornare a fare quadrato con tutte le forze del centrodestra in consiglio), in realtà c’è poco da dire: per Landriscina questo è (a malavoglia o meno) il punto fondamentale per avere qualche garanzia che la seconda metà dei cinque anni di governo della città non si trasformino in un Vietnam di distinguo, eccezioni, smarcamenti, contestazioni più o meno velate da parte di Forza Italia.

Gli ultimi 15 mesi, cioè da quando i forzisti abbandonarono polemicamente l’esecutivo revocando Franco Pettignano (poi subito rientrato sotto le insegne di Fratelli d’Italia) e Amelia Locatelli, hanno ampiamente dimostrato che i berlusconiani, su ragioni vere o del tutto pretestuose, se vogliono possono far ballare a ogni singolo voto l’amministrazione. E altri due anni e mezzo così sarebbero probabilmente invivibili per tutti (a partire dalla città stessa).

Ma, come si accennava – e come è già stato ben scritto nel resoconto del vertice di oggi – perché Forza Italia possa tornare in giunta senza che si debba ricorrere a qualche impopolare aumento del numero complessivo degli assessori, qualcuno deve “saltare”.

Giunta, oggi la prima vera unità di crisi: rimpasto vicino. Landriscina: “Si va avanti”

E qui gli indiziati principali sono due: il titolare di Sport, Ambiente, Parchi e Gardini, Marco Galli, che da tempo vive una situazione conflittuale e turbolenta sia con il primo cittadino sia con la “capa” vera della lista civica di cui anch’egli fa parte, cioè Elena Negretti.

E poi, sul tavolo traballante, c’è colei che è succeduta a Simona Rossotti alla Cultura nella primavera del 2019, ovvero Carola Gentilini (nome non sgradito, inizialmente, alla stessa Forza Italia, ma che nello stesso tempo i forzisti non ritengono loro diretta espressione ma “in carico” al sindaco stesso). Più salda – ma mai dire mai – pare invece un’altra outsider in quota primo cittadino, Angela Corengia.

Ma qui siamo già al terzo punto, che in qualche modo potrebbe anche cambiare i volti più papabili per un’uscita anticipata, sempre che poi il rimpasto vada a compimento. Perché al di là dei nomi, ciò che realmente vuole Forza Italia per tornare a far parte dell’esecutivo con due assessori come a inizio mandato (su questo pare siano tutti d’accordo), è poter disporre di deleghe pesanti.

Tre, in particolare, farebbero gola: almeno una tra Commercio e Urbanistica (entrambe appannaggio di Marco Butti di Fratelli d’Italia) e poi i Lavori Pubblici, questi ultimi in mano a Vincenzo Bella, altro nome che fa capo direttamente al sindaco più che a qualche lista o partito specifico.

Turismo, Cultura, Ambiente e in generale tutto ciò che appartiene oggi al duo vacillante Galli-Gentilini viene ritenuto dai forzisti come puro contorno: i piatti forti nel mirino sono gli altri. Ma è proprio qui che la trattativa rischia di imboccare subito una salita ardua, faticosa, non priva di contrarietà quando non addirittura di schiantarsi contro dei “no” assoluti (FdI, ad esempio, sembra pronta a fare muro su Commercio e Urbanistica, ma questo innescherebbe probabilmente i mitra forzisti su temoni quali il progetto Ticosa e l’operazione ex Albarelli-ex Lechler a Ponte Chiasso).

Forza Italia: “Comune in Ticosa, i nostri no”. Preparare i popcorn (o la scheda elettorale?)

Insomma, le difficoltà da superare – al netto di una complessiva volontà di collaborazione emersa oggi – sono molte.

Sarà l’abilità politica più o meno spiccata di chi a quel tavolo c’era, nei prossimi giorni, a dire se davanti a Mario Landriscina stiano per schiudersi prati fioriti di unità e concordia oppure una giungla vietnamita traboccante di mine e di imboscate.

  1. David Ferrario

    Buonasera,
    La città, dunque, langue eppure tutti i Paesi del mondo vorrebbero avere una Como tra le loro città e quelli che ce l’hanno invece l’hanno svalutata. Gli anni della grandeur, quando per soddisfare il vorace blocco di potere costruito sul mattone si voleva fare della città una piccola Parigi strapiena di nuovi edifici, sembrano lontanissimi e ora arrivano solo dei grandi S.O.S. al governo, all’imprenditoria sana. Nelle chiacchiere da bar si spera che a risolvere i problemi venga qualcuno da fuori oppure che si muovano gli imprenditori che hanno i loro problemi. Progetto Metro/ferro/tranvia, stadio, piscine, TEATRO POLITEAMA, Villa Olmo. Ma non avverrà niente di tutto ciò, nessuno è disposto a buttar soldi. I Musei chiusi, il Tempio Voltiano che langue da anni, sistema battelli novecentesco, non si può pagare e comprare i biglietti con telefonino, computer, ipad… Di sera tutto fermo anche d’ estate, Citta Turistica? Bella addormentata, non è una citta per turisti… per quanro concerne iniziative. Sarà un agosto morto come gli ultimi 20 anni?
    Il sindaco alla sua prima esperienza politica si è trovato un fardello di problemi obiettivamente pesante da affrontare. Doveva incarnare un nuovo modello far di politica, dar vita a un’esperienza nuova, ma nei fatti il suo bilancio è gramo. Aveva promesso agli elettori di far ripartire la Città, anche il forno cenerario, che non funziona scandalosamente da anni, cittadine e cittadini che devo pagare funerali costosissimi per far fronte a un servizio che Como nel 2020 non riesce a garantire. Riscaldamento che salta, citta’ al buio, Assessore ai Giardini che vuole gestire progetti milionari, e non sa gestire Villa Olmo e i cespugli delle strade, oltre che impianti sportivi da Gabon, con rispetto per Gabon, forse pensa di essere in una soap come ‘’vivere’’. Forza Italia sembra lo ‘’squalo’’ e si sta sciogliendo al sole, non c’ è più, tutti in fuga a livello nazionale, Mara Carfagna ha già un piede nel partito di Renzi. Carola Gentilini chi? Cultura??? Questa sconosciuta… Forse come 8/7/ del ‘43 meglio tutti a casa….. Per Dignità…
    CORDIALI SALUTI.

    David Ferrario

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata