Politica

La vendetta del Pd va consumata su Facebook: “Molteni? Più rimpatri con Renzi”

La vendetta va consumata su Facebook (naturalmente oltre che in Parlamento, con il noto cambio di governo da gialloverde a giallorosso). E così, infatti, fa il Partito Democratico di Como che sulla pagina ufficiale maramaldeggia contro l’ex sottosegretario agli Interni del primo governo Conte, Nicola Molteni (Lega).

I dem prendono spunto dalle parole pronunciate da Molteni alla Camera nella sera della prima fiducia al nuovo esecutivo (qui sotto il video) ma soprattutto dall’articolo nel quale rivendicava il complessivo lavoro svolto in 14 mesi.

 

“Usciamo a testa alta, orgogliosi e fieri di quello che abbiamo fatto con Matteo Salvini per il bene del Paese – ha rivendicato Molteni – Abbiamo portato sicurezza, fiducia, legalità e ordine. Il nuovo Governo PD/M5S è pronto ad aprire i porti e le porte dell’Italia per accogliere migliaia di immigrati. Difenderemo i decreti sicurezza e vi impediremo una nuova invasione!”.

A Como il crimine non paga. Nel 2019, reati in calo e una provincia sempre più sicura

“Nicola Molteni (ex-sottosegretario agli Interni della Lega) ha detto: Usciamo a testa altissima, orgogliosi e fieri dei risultati ottenuti, straordinari – si legge nella presa di posizione del Pd – Ci permettiamo di riassumere questi risultati straordinari: Produzione Industriale: – 0,7% (settore auto -14%); Crescita del PIL: – 0,1%; Debito pubblico: 2.386 miliardi (record di sempre)”.

Una serie di dati a cui poi segue l’affondo che – per la materia specifica gestita da Molteni – è quello politicamente più tagliente: “Ma forse Molteni parlava dei “risultati straordinari” del suo ministero, questi: rimpatri di migranti irregolari: 7.286 in un anno (il governo Renzi ne aveva fatti 7.383 in un anno). Ricordiamo la quota che aveva promesso di rimpatriare la Lega: 600.000. Complimenti! Straordinario davvero!”.

  1. giorgio

    Gli slogan vanno bene fino a quando qualcuno non ti mostra chiaramente i dati che ti sbugiardano.

  2. Vantarsi di avere fatto più rimpatri della Lega é un pessimo viatico per un partito che dice di voler cambiare politica sull’immigrazione. Si abbia rispetto per la storia di quei 7383 che hanno sognato una vita migliore e che, a causa di una legge liberticida (Bossi Fini) non hanno potuto averla. Ancora una volta il Pd dimostra di non avere capito nulla dagli errori del passato e di avere smarrito qualsiasi radicamento con il mondo della sinistra politica e sociale. Vergogna!

  3. Gioele

    Passare dalla promessa elettorale di 600.000 rimpatri alla realtà di 7.286 inferiore perfino ai rimpatri dei “buonisti” ci regala la dimensione di questa gente: megafono, distintivo e nulla più….anzi, in questo caso, nulla meno.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata