Politica

Lega, Zoffili e Locatelli: “Via la foto di Mattarella dagli uffici comunali”

Hanno aspettato qualche ora prima di prendere posizione dopo il clamoroso no del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al nascente governo Lega-Cinque Stelle (qui altre reazioni comasche). Poi, però, i due deputati della Lega comasca, Eugenio Zoffili (anche consigliere comunale a Erba) e Alessandra Locatelli (anche vicesindaco di Como) hanno aperto i cannoni. Puntandoli, naturalmente, verso il Quirinale.

Il più duro e diretto è stato Eugenio Zoffili. “Dopo aver ascoltato l’intervento del Presidente della Repubblica e preso atto delle preoccupanti e antidemocratiche decisioni assunte condivido con voi la richiesta del collega onorevole Paolo Grimoldi, segretario della Lega Lombarda – ha scritto il parlamentare erbese – Domani, come capogruppo della Lega, chiederò ufficialmente a chi di competenza in Municipio a Erba di disporre la rimozione delle foto del Presidente Mattarella presenti negli uffici comunali. Invito che rivolgo a tutti i Sindaci della Circoscrizione elettorale in cui sono stato eletto Deputato che comprende le province di Como, Lecco, Sondrio e parte della provincia di Bergamo”.

E’ stato Grimoldi, in effetti, a dare il là all’azione dimostrativa contro le immagini di Mattarella negli uffici comunali. E anche il vicesindaco di Como, Alessandra Locatelli, pur senza aggiungere nulla di personale, ha condiviso su Facebook la “chiamata alle rimozioni” del segretario della Lega lombarda.

Grimoldi, per inciso, aveva diramato l’ordine con queste parole.

“Bocciando Savona come Ministro dell’Economia proposto dal Presidente del Consiglio incaricato, oggi la democrazia italiana è stata ferita a morte. Siamo profondamente preoccupati e indignati per una decisione di inaudita gravità. La Lega – ha aggiunto Grimoldi – era ed è pronta a governare con i propri ministri per liberare il Paese dalle catene che evidentemente Berlino e Bruxelles hanno messo alle caviglie del nostro Paese. A questo punto chiederemo a tutti gli amministratori della Lega in Lombardia di rimuovere immediatamente dai loro uffici pubblici la foto di Mattarella, che non rappresenta più un garante imparziale dei cittadini”.

LEGGI ANCHE: Foto di Mattarella, Orsenigo (Pd) a Zoffili e Locatelli: “Puerili, infimo livello. Denunciamo”

LEGGI ANCHE: Ira Borghi (Lega), Currò (5S) e Butti (FdI). Molteni non era ministro. Braga (Pd) con Mattarella

  1. ol Tivan - il vento del lago di Como

    il collegamento della testa alla voce è indispensabile.
    per litigare è indispensabile essere in due! e mi sembra che quando Mattarella, dopo aver già mal digerito Conte, ha proposto Giorgetti, mi sembra avesse fatto un gran passo verso la soluzione. farsi bocciare il Governo, accettati tutti gli latri Ministri, ha più la parvenza di un cambio di rotta della Lega viste le difficoltà al’orizzonte di mantenere anche solo alcune delle promesse fatte. D’altro canto gli italiani non solo e tutti leghisti. a me la foto di Mattarella piace e il mio parer vale tanto quanto quello dell’On Zoffili.

  2. Giorgio V.

    Questo è il livello imbarazzante della lega comasca. A che punto arrivano, per farsi un po’ di pubblicità gratis. Comincino a fare qualcosa per la città, che da quando sono stati eletti è a zero.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata