Politica

Espansionismo renziano a Cantù: Mattia, ex segretario dei Giovani Pd, in Italia Viva. “Ecco perché”

L’espansionismo renziano in salsa comasca prosegue. Magari non come un’alluvione, ma con qualche “new entry” cadenzata. L’ultima sembra avere i crismi veri del renzismo doc: si tratta infatti del giovanissimo Mattia Patrini, 20 anni da due settimane, ma soprattutto – dato politico salace – fresco (ex) segretario dei Giovani Democratici di Cantù.  Ora, l’addio e la confluenza in “Italia Viva”.

“Mi ero iscritto ai Giovani Democratici di Cantù nel 2016 – racconta Patrini – e sono diventato segretario nei primi mesi dell’anno. Poi ho collaborato nel Pd canturino per la campagna elettorale di maggio pur rimanendo nei GD”.

Dopo la turbolenta estate scorsa e lo strappo di Matteo Salvini, l’addio alla galassia Pd e la confluenza in “Italia Viva”.

“Il motivo? Ho lasciato per Italia Viva perchè sono stato sempre dichiaratamente renziano, ma, tralasciando i personalismi, il motivo di fondo è che questa nuova casa è liberale, moderata, europea di stampo centrista e soprattutto improntata sui giovani – afferma Patrini – È un contenitore politico molto ampio che includerà tante persone che finalmente potranno sentirsi rappresentate pienamente. E poi non va sottovalutata l’impronta giovanile che si vuole dare, infatti vedo tantissimi ragazzi da tutta Italia che come me sono pronti a mettersi in gioco per costruire il futuro del paese”.

In chiusura, una prospettiva (abbastanza inedita) sul futuro di Renzi: “Credo che per ora Renzi sarà il trainante del carro grazie alle sue qualità politiche ma col tempo lascerà spazio a figure altrettanto capaci e carismatiche che porteranno avanti questo progetto innovatore”. Difficile crederlo visto il peso (e l’ego) dell’ex premier, ma il tempo lo dirà.

  1. Schastar

    Addirittura…

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata