Politica

Parcheggi riservati, piazza Roma, eventi estivi: dal Pd gavettoni d’agosto sulla giunta

“Ormai l’impressione è che questa Giunta vada avanti a tentoni: sono passati più di due anni e ancora manca una vera, compiuta programmazione”.
Nonostante agosto sia alle porte, il Pd di Como non rinuncia ad attaccare la giunta Landriscina su tutto: dalla volontà di togliere i parcheggi riservati alle auto private dei rappresentanti alle Forze dell’ordine svelata da ComoZero (qui l’articolo), passando per gli eventi estivi e la cultura, finendo con il dormitorio e il caso di piazza Roma.

“Amministrare non è facile, ma ciò su cui il centrodestra è in affanno è importante, non si tratta di questioni secondarie – dicono in una nota i consiglieri dem Gabriele Guarisco e Patrizia Lissi – Prendiamo il caso dei parcheggi riservati alle forze dell’ordine: prima di prendere una decisione del genere era meglio avviare una consultazione con la Questura, la Guardia di Finanza, i sindacati di categoria, insomma. Invece anche qui un pasticcio che sta sollevando un vespaio in una città dove già ci sono problemi enormi di posteggi anche per i residenti o per chiunque vada in centro”.

Altro capitolo delicato, quello culturale: “Ma per promuovere la cultura basta fare una stagione tutta incentrata sulla città murata? Se vogliamo fare turismo forse. Ma se vogliamo fare cultura, appunto, assolutamente no. Non si possono lasciare fuori le periferie. Al netto dei trespoli e degli autosilo, dove poi viene da chiedersi che faranno quelli che abitano in centro e non hanno bisogno di parcheggiare perché agli spettacoli ci vanno a piedi da casa – aggiungono i dem – Cioè, turismo, accoglienza, cultura sono aspetti importanti. Ci si è ridotti all’ultimo, per mille ragioni, e ora la situazione sta rasentando il ridicolo”.

La dimostrazione che si navighi a vista, secondo Guarisco e Lissi, viene dall’altra tormentata vicenda, quella di piazza Roma: “Si è svelato il bluff e lo ammette lo stesso sindaco Landriscina: allora quello che hanno detto in campagna elettorale non era vero o non lo pensavano? Non hanno studiato e sono andati avanti a slogan? L’abbiamo detto più volte in consiglio comunale: bisogna finire il progetto e darsi da fare per rivitalizzare questa piazza che è molto bella”.

“Invece – chiudono i rappresentanti Pd a Palazzo Cernezzi – la Giunta continua con le sue idee campate per aria, senza ascoltare mai nessuno, andando dritta per la propria strada anche a costo di scontrarsi sonoramente contro l’evidenza. Il caso del dormitorio lo dimostra bene: se ci avessero ascoltati prima, e qui la presa di posizione è stata trasversale, a quest’ora il problema sarebbe stato già risolto”.

  1. giorgio

    Giusto criticare su piazza Roma ed eventi estivi, ma sui posti riservati alle auto private la Negretti ha ragione da vendere.

    Un privilegio che si protrae da troppo tempo non può che essere risolto in maniera decisa.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata