Politica

Ponte Chiasso, 145 firme per i posteggi al posto della preferenziale

La protesta che Comozero ha raccolto e rilanciato da parte di residenti e commercianti di Ponte Chiasso sta raccogliendo i suoi frutti. Questa mattina, infatti, il consigliere comunale di Fratelli d’Italia, Sergio De Santis, l’ex consigliere Vittorio Mottola e un commerciante del quartiere hanno depositato in Comune una petizione con 145 firme per chiedere l’eliminazione della “famosa” fermata del bus spostata all’improvviso a metà via Bellinzona (tratto piazzale Anna Frank-Dogana), per traslare il capolinea dei mezzi diretti in Svizzera proprio in piazzale Anna Frank e nello stesso tempo cancellare la preferenziale per realizzare a bordo strada (e di fronte ai negozi e ai bar) una quarantina di posti auto con parcometro.

“La corsia preferenziale serviva davvero 25 anni fa, quando il traffico dei frontalieri intasava davvero quel tratto di via Bellinzona – hanno detto i tre promotori dell’iniziativa – Ora non ha più senso e, anzi, è dannosa. Tra l’altro molti automobilisti che vorrebbero semplicemente fermarsi per 5 minuti per un caffé, aiutando nello stesso tempo le attività del quartiere, rischiano sempre multe salate e punti sulla patente. Una beffa doppia e una situazione ormai insostenibile”.

Sul piano politico-amministrativo, De Santis ha sottolineato che “la riqualificazione di Ponte Chiasso era nel programma elettorale del centrodestra e bisogna tenere fede agli impegni. Fratelli d’Italia è molto sensibile a questo tema e per questo sosteniamo i residenti e le attività commerciali con questa petizione”.  Nella raccolta firme, tra l’altro, si chiede anche un concorso di idee per il futuro di Ponte Chiasso e un confronto pubblico sul tema”.

 

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata