Politica

Salvini-Locatelli e le polizie di primavera in via Milano Alta: “Alloggi alle forze dell’ordine”

Eradicazione delle panchine in piazza San Rocco, fatto.

Ispirazione dell’ordinanza anti-accattoni, fatto.

Spunta verde (padano) anche per il coprifuoco in piazza Martinelli (hotspot wi-fi molto gradito da migranti e richiedenti asilo), per lo stop alla maxi-moschea di via Cumano (foto sotto), per il blocco a qualsiasi ipotesi di dormitorio dedicato ai senzatetto aperto tutto l’anno e, naturalmente, per la chiusura del centro migranti di via Regina.

Il macro-schema si compie come da promessa elettorale. Nulla è dato al caso: Alessandra Locatelli non gioca a dadi, statene certi.

Non più astro nascente oggi, anzi, è stella fulgida e di prima fila nell’imperiale firmamento salviniano. Deputato, assessore, vicesindaco e leader incontrastato nel carroccio comasco, ha le idee molto chiare a proposito di sicurezza e immigrazione in città.

La delega in materia non è sua, già. Però è gestita da Elena Negretti, amica, sorella, sodale, politicamente gemella nell’esecutivo Landriscina. Le due zarine sono l’incarnato del potere cernezziano, non è un mistero.

Lunedì scorso a Como il vicepremier Matteo Salvini (come rivelato, con video, da ComoZero.it) è stato cristallino: “Il mio sogno è andare in via Milano (alta, Ndr) passeggiando in Italia. Ci stiamo lavorando”.
Per il ministro dell’Interno dunque la zona sarebbe una sorta di enclave multietnica sganciata dalla città, un’ambasciata aggregata di molti Paesi e, sicuramente, non del Bel Paese.

Dunque è bene capire cosa si annidi dietro quel criptico “Ci stiamo lavorando”.

Locatelli risponde. “Stiamo operando su via Milano alta e San Rocco da tempo, siamo intervenuti facendo spegnere il Wi-Fi di notte a un locale per evitare assembramenti, approfondiamo tutte le segnalazioni dei cittadini e teniamo sotto osservazione costante tutte le situazioni di rischio anche legate a esercizi commerciali”.

Questa la premessa, nessun inedito. Poi, come fosse nulla, la bomba: “Ci sono contesti abitativi che appaiono chiaramente degradati. Nelle mie intenzioni voglio assegnare alcuni appartamenti comunali alle forze dell’ordine perché li utilizzino come alloggi. Sarebbero un ottimo deterrente. E’ una novità prevista dal nuovo Regolamento regionale ed è un’ottima occasione per sperimentare. Funzionasse la applicheremo anche in altre zone della città”.

Una cosetta così.
Il punto è che nel corso degli anni l’intera zona è andata a svalutarsi, un tempo fiorente è stata abbandonata dai comaschi e sono arrivate attività non italiane, non legate al territorio.

Attività regolari però. Sono imprenditori, non abusivi.
Sicuramente, ma nel corso degli anni molti negozi si sono svuotati senza riempirsi, la vicinanza del Centro Migranti, di una mensa diurna e di uno stabile per richiedenti asilo hanno contribuito a un ulteriore abbandono e degrado.

Sta ponendo un problema etnico, onorevole?
No, c’è un problema di zona abbandonata e degradata, ripeto. Riceviamo molte segnalazioni.

Como passanti in via Milano alta ph: Carlo Pozzoni

Ma non ripetete che i flussi sono diminuiti?
Da quando è cambiato il Governo gli strumenti a disposizione sono migliorati. I flussi sono calati drasticamente e il lavoro interforze in città ha portato ottimi risultati. Facciamo cose che parevano impossibili un anno fa. Resta ancora da fare, ovviamente.

Quindi alloggi alle forze dell’ordine.
Per la sicurezza. Poi un parcheggio in Ticosa renderebbe la zona più accessibile e appetibile. E’ il momento di intervenire.

Sa di militarizzazione.
Su uno stabile di tipo 50 o 60 alloggi assegnarne tre o quattro alle forze dell’ordine mi pare anche poco.

L’articolo che avete appena letto è stato pubblicato su ComoZero settimanale, in distribuzione ogni venerdì e sabato in tutta la città: qui la mappa dei totem.

  1. mssmm

    mi risulta che via Cadorna sia cinese ??

  2. Gioele

    Ogni qual volta la Giunta è in affanno, storia recente il ritardo nella presentazione dei documenti di bilancio, si ritorna a inventare qualcosa per “mettere al loro posto” i cittadini “non autoctoni” (per gli amici baluba “negher”). Adesso il pretesto è il degrado di Milano Alta. Chi ha buona memoria si ricorda che questo degrado ha storia più antica dell’insediamento delle comunità straniere ma il capitano e la sua fida scudiera evidentemente hanno poca memoria, non sono forse di qui e il megafono non aiuta proprio….
    E poi, mi chiedo, se “non sono abusivi, sono imprenditori” evidentemente pagano imposte e tributi al Comune. Se sono imprenditori, però, le loro attività portano profitti (altrimenti chiuderebbero i battenti). E se portano profitti vuol dire che hanno clienti e se hanno clienti vuol dire che la loro presenza è gradita (cosa significa “slegata dal territorio” che non preparano lo “stufato d’orso”?). Perché chiudere le loro attività? Per consentire agli imprenditori autoctoni di avere meno concorrenza e più profitti?
    La nostra Eccellenza dice che la zona non sarà militarizzata perché è prevista l’assegnazione di soli 3/4 appartamenti comunali alle famiglie delle Forze dell’Ordine. Se è così, la presenza sarà simbolica e avrà lo stesso effetto di un filo di panna su una torta di m….! Siamo sicuri che la sola presenza di queste famiglie consentirà alla zona di Milano Alta di tornare agli antichissimi splendori?
    Infine, non comprendo la correlazione tra l’immancabile parcheggio e la riqualificazione della zona degradata: una volta costruito in breve tempo diventerebbe un parcheggio “degradato”. Se iniziassimo, invece, a pensare in grande e puntare sull’Hub dell’Innovazione, avremmo avuto un buon punto di partenza per la riqualificazione di tutta l’area, o no?. Ma……ha ragione anche il nostro Assessore, cosa ci azzecca con il ritardo nella presentazione dei documenti di Bilancio?….e poi, a Como si vota solo per le Europee….

  3. Libero

    La presenza oggi di una folta comunità di extracomunitari in via Milano “alta” è merito/colpa sopratutto degli stessi Comaschi che oggi si lamentano. Gli stessi Comaschi che incassano gli affitti di appartamenti e negozi utilizzati da quegli extracomunitari che li hanno ingrassati per anni, ma ora che sono troppi danno fastidio, i valori degli immobili sono crollati e allora è meglio che i “negher” se ne vadano da un’altra parte…..

  4. COcittadino

    Un suggerimento per l’integrazione Appartamenti alle forze dell’ordineper agenti di origine straniera con cittadinanza italiana ea figli di immigrati di seconda generazione

Rispondi a Gioele Annulla risposta

la tua mail non sarà pubblicata