Politica

Scibelli, viadotto, piscine e paratie. Furia Rapinese: “Inquietante. Il Comune risponda in Commissione”

In questi mesi le commissioni di Palazzo Cernezzi sono diventate il centro di fortissimi scontri politici, non necessariamente tra maggioranza e opposizione, anzi: partendo da temi come disabilità , passando per Como Acqua e le mense scolastiche i pomeriggi caldi di Palazzo Cernezzi hanno riempito settimane di cronache come quasi mai accaduto in passato. In qualche occasione sono state il viatico per quelli che fino a qualche giorno prima parevano impossibili allineamenti bipartisan, come è accaduto sul fronte barriere architettoniche:

Magatti e le minoranze convincono la giunta: sì al piano per le barriere architettoniche

In queste ore un nuovo tema plana con forza al centro del dibattito, anzi quattro questioni che, in un modo o nell’altro, sfiorano se non toccano direttamente le giustizia. Il 19 aprile Alessandro Rapinese, Fulvio Anzaldo e Ada Mantovani (lista Rapinese sindaco), hanno protocollato una richiesta di inserimento argomenti per la Commissione 1, presieduta da Matteo Ferretti (Fratelli d’Italia). Nello specifico: Viadotto dei Lavatoi, Paratie, annullamento dell’incarico di capo di Gabinetto per Filippo Scibelli e la decadenza della Sport Management dalla concessione per la gestione del lido di Villa Olmo. Quattro argomenti su cui i consiglieri ravvisano “oggettive criticità dal punto di vista legale”.

Viadotto Lavatoi: vittoria per Molinari, Gerosa, Viola e Gilardoni. E il Comune paga pure

Lido di Villa Olmo, il Comune revoca la concessione al nuovo gestore

Tutte le tappe del caso Scibelli

Filippo Scibelli

“Siamo inquietati – accusa Rapinese – da come stanno gestendo queste vicende. Io non sono un legale ma i nostri consiglieri Anzaldo e Mantovani sì. E’ arrivato il momento perché il Segretario Generale, gli uffici Legali e la politica spieghino cosa stia accadendo”.

“Sul Viadotto dei Lavatoio ci sono documenti senza protocollo su che diventano lo strumento base di difesa del Comune – attacca Rapinese – per quanto riguarda le Paratie conosciamo gli errori macroscopici, il caso Scibelli ha visto nomina e revoca in pochi giorni mentre per quanto riguarda le piscine di Villa Olmo ho chiesto spiegazioni in aula, sono stato ridicolizzato da Landriscina. Poi due giorni dopo la finanza è arrivata in comune a prelevare documenti”. Insomma, dice il consigliere: “Si assumano le responsabilità, relazionino e non si lamentino. Sarà una commissione importante”.

In queste ore il presidente Ferretti sta decidendo quando inserire a calendario la Commissione. Si annuncia un nuovo pomeriggio non semplicissimo per la maggioranza.

Paratie: la cronistoria

 

 

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata