Politica

Sì alla Tav, la nobile delusione di Raffaele Erba (M5S): “Amarezza, sconfitta, sogno infranto”

L’annuncio del premier Giuseppe Conte di un sostanziale sì alla Tav, pur in attesa di un voto in Parlamento (“Senza un accordo con Parigi, una decisione unilaterale avrebbe costi ingenti per le casse dello Stato, non realizzarla costerebbe più che che completarla”, le sue parole) sono state un durissimo colpo per il Movimento Cinque Stelle, storicamente contro la grande opera.

Un effetto amarezza-delusione che non fa eccezione nel caso di Raffaele Erba, il consigliere regionale comasco dei pentastellati, che ha affidato alla propria pagina Facebook il suo pensiero. Una nobile sottolineatura di una sconfitta, in estrema sintesi.

Sotto il già eloquente titolo “No Tav, un sogno infranto” e con una foto a corredo di una bandiera “No Tav” che sventola nel cielo, Erba ha espresso il proprio dispiacere sebbene con toni nobili.

“La TAV è un progetto fallimentare e di questo ne siamo consapevoli da anni – premette il consigliere regionale comasco – Brucia parecchio vedere l’impotenza nel bloccare quest’opera devastante. Sicuramente è un duro colpo per il Movimento 5 Stelle e per uno dei suoi principali sogni, su questo punto dobbiamo ammettere la sconfitta”.

“Rimane la forte l’amarezza nel vedere cantare vittoria (principalmente la Lega, ndr) chi sa di realizzare un’opera inutile, costosa e che sottrae risorse ad altre infrastrutture più strategiche – chiude Erba – Purtroppo tutto ciò fa risaltare un concetto di sviluppo che non guarda più al bene della collettività ma all’interesse di pochi”.

  1. La politica è molto strana. Ultimamente lo è di più. I 5S sono maggioranza relativa in Parlamento, governano e sono la forza principale del Governo. Non accettano compromessi su nulla e mandano “affa” chiunque. Cosa aspettano a staccare la spina al Governo? Gli piace continuare a dire sempre “si” al capitano e “no” a tutto il resto?
    Per loro non vale l'”andreottiana” affermazione il “potere logora chi non ce l’ha”.
    Per i 5S possono essere coniate altre affermazioni: il potere logora chi è così sprovveduto da non saperlo gestire oppure logora chi ha il terrore di perderlo. Meglio guardare altrove…in entrambi i casi fanno cascare le braccia.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata