Politica

Ticosa-De Santis, sorpresa Brenna: “Il Comune non è contrario. Sposterei lì Palazzo Cernezzi”

Eppure si spacca. No, “spacca” forse è eccessivo. Diciamo che però certamente si sfuma, si divide in pensieri diversi. In posizioni politiche diverse.
Protagonista a sua insaputa è il centrodestra – e segnatamente del centrodestra che compone la maggioranza in Comune a Como – e il suo agitatore è nientemeno che Franco Brenna, capogruppo della “lista del sindaco”, Insieme per Landriscina.

Il quale Brenna pare su tutt’altro pianeta rispetto ai no categorici pronunciati dall’assessore all’Urbanistica Marco Butti (e condivisi da Lega e Forza Italia) sulla proposta per la Ticosa avanzata da Officina Como, tramite l’imprenditore Paolo De Santis.
Brenna ha reso evidentissima la divergenza proprio durante la serata di presentazione andata in scena ieri sera alla Biblioteca di Como (qui il resoconto).

“L’amministrazione comunale non è contraria – ha esordito Brenna per spazzare subito i dubbi – Non si può essere contrari a un progetto che va verso il bene della città, per il futuro di Como. Il problema è legato tempi, alla burocrazia, al fatto che il 28 febbraio (giorno per presentare a Fondazione Cariplo i progetti che ambiscono ai 5 milioni, ndr) è una spada di Damocle eccessivamente vicina. Ma vi assicuro che in Comune c’è tutta l’intenzione di voler discutere questa proposta”.

Ma il capogruppo di Insieme per Landriscina è andato oltre. E “accanto all’Hub della creatività” visto come una risorsa “perché i ragazzi non scappino da Como”, Brenna ha lanciato una proposta: “Io ci vedrei bene il Comune in Ticosa. Sapete bene in che condizioni è Palazzo Cernezzi. Avremmo finalmente una struttura nuova più efficiente e facilmente raggiungibile dai cittadini”.

Un’apertura notevole con guizzo, dunque. Che già oggi pomeriggio, però, ha ricevuto una telegrafica quanto definitiva stroncatura dal capogruppo di Forza Italia, Enrico Cenetiempo, ieri sera in sala ad ascoltare la proposta di Officina Como.

“Per carità, tutte cose belle e suggestive – dice il forzista – Ma Como ha bisogno d’altro. Parcheggi, soprattutto”.

  1. Libero

    Magari con un ponte diretto tra lo studio del consigliere/assessore ombra ed il nuovo palazzo comunale?

  2. Emanuela

    Ma basta parlare solo del parcheggio. Che bel contributo quello di Cenetiempo…

  3. gianluca

    ma certo, parcheggi, parola magica per stroncare sul nascere qualsiasi discussione intelligente

  4. Gabriele

    è molto triste avere un consigliere comunale come Cenetempo.

  5. Comino

    Beh ma sotto sotto l’idea è trasformare in parcheggio in centro palazzo cernezzi, no? In fondo lo é già adesso: uno che trova un posto lì difficilmente se ne andrà!

Rispondi a Gabriele Annulla risposta

la tua mail non sarà pubblicata