Politica

Ticosa, la giunta dice sì all’accordo con Multi. Parcheggio più vicino

Svolta sul futuro dell’area Ticosa. Oggi la giunta comunale di Como ha dato l’okay alla proposta di transazione economica formulata nelle scorse settimane dalla società Multi con l’obiettivo di chiudere una volta per tutte la serie di contenziosi gravanti sull’area. A comunicarlo questa sera in consiglio è stato l’assessore all’Urbanistica Marco Butti.

L’assessore Marco Butti

“Nella tarda serata di oggi – ha affermato Butti – la giunta ha dato parere favorevole all’accoglimento della proposta transattiva avanzata da Multi per l’area Ticosa. Abbiamo ottenuto anche i pareri legali, l’obiettivo ora è valutare l’indirizzo operativo emerso quest’oggi. Dal momento che è previsto il coinvolgimento del consiglio comunale, l’impegno è confrontarsi con ciascun gruppo consiliare per illustrare la proposta formulata da Multi e da noi accolta e per dettagliare la delibera consiliare”.

Una situazione simile si verificò durante la giunta Lucini, quando sempre la multinazionale che si aggiudicò l’area nel 2005 propose un accordo “tombale” al Comune per uscire definitivamente dalla vicenda e abbandonare la città. Nel dettaglio la società chiedeva a Palazzo Cernezzi la possibilità di chiudere i rapporti, restituendo immediatamente l’area all’amministrazione, ritirando tutte le vertenze legali già allora in corso e senza chiedere nulla per i costi sostenuti per la demolizione del Corpo a C. Dal canto suo, l’amministrazione avrebbe dovuto garantire la volontà di non proseguire altre “battaglie” legali.

Dopo settimane di valutazioni interne, però, Palazzo Cernezzi – a poche settimane dalla fine del mandato – disse no all’accordo, soprattutto per la chiara contrarietà espressa dagli uffici. Ora, invece, il ribaltamento dello scenario che – in tempi non brevissimi, comunque – potrebbe chiudere per sempre il rapporto Multi-Comune e permettere all’amministrazione di tornare in possesso dell’area per farne l’agognato posteggio pubblico.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata