Politica

VIDEO L’esilio di Muhammad in piazza Roma: “Non c’è nessuno. Ho fatto domanda per il Duomo”

Da un paio di settimane Muhammad Shaquif il sabato lo passa in Piazza Roma, tra pullman che scaricano turisti, qualche anziano su una panchina e, in buona sostanza, nella più totale solitudine di un deserto sociale. Per un predicatore itinerante non il massimo del risultato, insomma. Tunica, barba, Coreano e sorriso d’ordinanza, Muhammad, come abbiamo raccontato all’inizio di questa storia, da anni passa i fine settimana in giro per l’Italia. Obiettivo: raccontare l’altro Islam: “Quello dell’amore, della fratellanza, del dialogo intereligioso. Non siamo tutti terroristi”.

VIDEO Il predicatore regala il Corano in piazza Volta: “L’Islam è amore non terrore”

Predicatore Islamico in piazza. Locatelli: “Ma quale amore? Inaccettabile”

Furia Locatelli, il Comune sposta il predicatore islamico. Nel deserto di piazza Roma

 

La settimana scorsa Muahmmad ci ha provato e oggi è tornato, nonostante le poche anime distratte di passaggio. “In effetti c’è poca gente – racconta – mi hanno mandato una mail dove mi hanno detto di cambiare piazza”. Se si sia trattato di una decisione politica non è davvero in grado di dirlo “Non lo so – spiega – in piazza Volta c’erano tante persone, persone cui piace il messaggio di Dio. Qui non c’è nessuno”. Poi la rivelazione, le cui conseguenze, probabilmente Muhammad non ha valutato: “Ho chiesto di potermi spostare in piazza Duomo, aspetto la risposta”. E se piazza Volta è bastata per scatenare la furia cieca del vicesindaco leghista, Alessandra Locatelli, è facile immaginare che la sola ipotesi di vedere un predicatore islamico davanti alla cattedrale accenderà ogni furore padano. E’ davvero difficile immaginare che la richiesta sarà accolta.

Lo sai che a Como la Lega è molto potente? “La Lega? Ah, ho capito. Ma io sono qui per la pace con tutti”. Non credo saranno molto felici della tua richiesta. “Dio rende tutti felici”.

IL PREDICATORE ITINERANTE: TUTTA LA VICENDA

 

A proposito di richieste il Comune ha motivato il trasferimento spiegando che piazza Volta (come in largo Miglio, altro luogo ad alta frequentazione richiesto da Muhammad) sono “superfici pubbliche” dove “insitono numerose altre concessioni […] e ulteriori occupazioni andrebbero a essere in contrasto con i principi del Regolamento comunale per l’occupazione degli spazi”. Richiesta rigettata inoltre “in ragione del forte afflusso turistico/pedonale come si è potuto constatare nella giornata di sabato 7 aprile lungo piazza Volta”.

Va ricordato però che proprio lo scorso fine settimana una manifestazione delle Sentinelle in piedi è stata autorizzata.

Piazza Volta: dopo l’Islam, le Sentinelle in piedi. E il manifesto shock contro l’aborto

Per la gioia di Muahmmad una ragazza si avvicina: “Bene, bravo, splendida iniziativa per la pace. E’ giusto unire due mondi diversi”.

 

 

GALLERY

 

 

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata