Punti di vista

Caro Pd. Cari Lissi, Gaffuri, Fanetti: non meritate zombie e twittate al pepe verde. Ribellatevi

La paralisi assoluta, totale, ormai putrescente del Partito Democratico a Como come a Roma è qualcosa che ormai rasenta il delirio psichedelico.

Ohibò, e chi siamo noi per dire questo con tanta tronfia sicumera, dal comodo della nostra scrivania?

Noi non siamo assolutamente nessuno, siamo il nulla perfetto. Ma forse è proprio per questo che queste righe assumono un qualche valore. La coscienza limpida della nostra nullità esistenziale e giornalistica nel mare magnum dell’informazione vera, strutturata, solida, nazionale e internazionale (o quantomeno della grande parte che si crede degna di cotanti aggettivi) probabilmente è l’unico elemento che restituisce un briciolo di peso a quella che non vuole essere un’analisi politologico-scientifica, bensì un estratto dal comune sentire del banale cittadino, del misero cronistucolo di provincia, del pavone di rione mediamente informato.

Allora, andiamo al dunque rapidamente.

E dal nostro nulla diciamo, in particolare alle tante persone perbene del Pd comasco, gente che si potrà detestare, si potrà sfottere con il mitologico “chi vi paka ?1!?!11!!“, si potrà anche accusare di ogni nefandezza para immigratoria, di ogni latrocinio demoplutomassonico, ma che almeno in parte resta una buona classe politica, una riserva di militanza inspiegabilmente ancora appassionata, una forma collegiale di pensiero ridotta al lumicino da stanchezza e sconfitte ma ancora talvolta lucida, interessante, coinvolgente, ebbene, a loro diciamo che sì, ora avete acquisito sul campo il diritto-dovere di ribellarvi.

Alle Lissi, ai Fanetti, ai Guarisco che senza fiatare si sorbiscono commissioni sui tombini e consigli sugli egocentrismi, ai due Gaffuri tangenziali e post regionali, agli Orsenigo Pirellati, alle dinastie Legnani, a tutti quel mondo inspiegabilmente ancora vasto e resistente disperso tra micro municipi, magnificenti Tremezzine e aule romane, alla classe dirigente che di questo passo finirà a dirigere se stessa o il traffico nei casi peggiori, diciamo che è ora di alzare la testa.

A loro diciamo – perché li vediamo, perché li conosciamo, perché sappiamo che esistono ancora coraggio e abnegazione nell’oceano del disincanto e del fallimento – che si meritano di meglio. Ma che quel meglio devono conquistarselo.

O volete ancora parlare di congressi psicotropi mentre il mondo gira?

O volete ancora parlare del ritorno di Renzi, roba adatta a un fu George Romero, o dell’ascesa resistibile del fratello di un attore?

O volete ancora curiosare tra gli invitati a cena da un ex ministro generato, non creato da Twitter?

O volete ancora parlare – mediamente senza saperne un granché, questo ve lo dobbiamo dire – di fascismi, di comunismi, di post socialismi o delle nuances della “VERA SINISTRA”, se sta bene con il rosa, con il violetto, con i tacchi o per i Boschi?

E’ davvero necessario parlare di volti nuovi, se non echeggia un’-idea-una laggiù, nei meandri del Nazareno? E’ necessario leggere l’ultima agenzia di Orfini o struggersi nell’ode malinconica e passatista del Sommo Gentiloni?

E’ davvero necessario che le periferie democratiche – a ogni latitudine – aspettino mute, inattive, passive le direttive di un re che a Roma non c’è, che in Emilia non c’è e che da Brindisi è scappato oltre 70 anni fa (il 4 dicembre 2016 per i manifestanti, il 4 marzo per la Questura)?

Cari democratici, aprite i giornali, se non gli occhi. Leggete i titoli di oggi, o di ieri, o di domani, su di voi. Correnti, loghi, simboli, congressi, primarie, cenette, scenette. Manca la politica, completamente, assolutamente. Da mesi. Infiniti mesi.

A questo, da Como a Reggio Emilia, da Trento a Caserta, siete rassegnati? A rinunciare alla politica pensando che la china si risalga con l’obbedienza muta ai cavalieri inesistenti, a qualche zombie o via twittate al pepe verde?

Siete seri? Sì, lo siete. Per questo dovreste ribellarvi.

Non meritate questo, sinceramente.

redazionecomozero@gmail.com

  1. Maurizio Casonato

    Condivido appieno quanto hai scritto.
    É il momento che tutte le persone che hanno a CUORE il bene della nostra città prendano atto della situazione tragica,e a livello politico che morale,facendo tornare la Politica al suo vero ruolo.

  2. upocattivo

    Il Pd dovrebbe alzare la testa? Sembra facile, dirlo a uno che la testa non ce l’ha.
    Il Pd non ha testa e neppure attributi per ribellarsi. Ribellarsi a chi, poi: a se stesso?
    Eppure una cosa ce l’ha. La coda. Irrimediabilmente di paglia, quando cerca altrove le cause della propria putrescenza.
    Ha ragione Orfini, quando dice che per rimediare ai guai combinati agli italiani bisogna sciogliersi e poi rifondarsi.
    Anzi, se il rischio è di vedere Calenda al posto di Renzi, ascolti un consiglio: si sciolga e basta.
    #scioglieteviebasta

  3. Pasquale De Feudis

    Il suo articolo sembra scritto da un militante Pd stanco di sentire discorsi autoreferenziali. Io Le consegnerei una tessera Pd onoris causa. Pronti a sottoscrivere la sua ribellione . Purtroppo i gruppi di potere sono difficili da sciogliere ed è molto più facile sciogliere il partito. Da iscritto al Pd devo dire che Salvini e Di Naio il loro spazio se lo sono conquistato sgobbando da matti ogni giorno con le presenze continue in tutto il paese. I nostri dirigenti erano seduti alla loro poltrona davanti alla Tv e hanno vissuto di rendita di posizione Gino al crollo. L’ unico che ci ha messo la faccia con battaglie politiche ed elettorali è stato Renzi, attirandosi le antipatie interne ed esterne. Non ho timore a dire che quel 17,7% del Pd esiste ancora proprio grazie a Renzi.

  4. hakluyt

    Bravo De Feudis, fatti sentire !!! Diglielo a questo “misero cronistucolo di provincia” che non sono stati Renzi (con la sua innata modestia e simpatia…) o la Boschi (con il suo splendido conflitto d’interessi..) od Orfini (con il suo nulla cosmico twittato ossessivamente…) a distruggere l’immagine del PD tra gli elettori.

    PS per il cronista: non mi è parsa molto elegante la definizione di “fratello di un attore” per uno che ha un nome proprio, che fa politica da anni e che può vantare di essere forse l’unico ad aver vinto recentemente delle elezioni sotto la bandiera del disastrato PD…

  5. hakluyt

    Ho riletto il mio commento e non sono sicuro che si capisca che, per quanto riguarda la risposta a De Feudis, ero ironico… 🙂

  6. Pasquale De Feudis

    Egregio Sig hakluyt, applaudo al suo modo ironico di intervenire. Sappi che io sono sempre stato autoironico e antiretorico ma i miei commenti non sono firmati con un nik anonimo. Sapere chi è che scrive mi servirebbe per un incontro tra un ironico e un autoironico.

  7. hakluyt

    https://it.wikipedia.org/wiki/Richard_Hakluyt

    Se vuole altre referenze chieda a U. Eco: ha parlato di me nel suo libro “L’isola del giorno prima”.

    PS – comunque ha quasi ragione quando scrive: “Non ho timore a dire che quel 17,7% del Pd esiste ancora proprio grazie a Renzi”. Basta togliere “ancora”: al 17% il PD c’è arrivato proprio grazie a Renzi…

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata