Punti di vista

Il gruppo di ferro, Butti, Ada, Sabrina, Elena: chi ha deciso davvero il voto sul dormitorio (fuffa a parte)

Si leggono assurdità cubitali di vario genere, in queste ore, sui “meriti” per l’approvazione della mozione che invita sindaco e giunta a individuare un immobile (comunale o privato) da destinare a dormitorio permanente.

Al di là della sgradevolezza manifesta di certe invenzioni dai fini opachi, ma soprattutto totalmente slegate dalla realtà, i dati di fatto sono piuttosto chiari. E per quanto nel magma della politica sia sempre difficile tracciare righe e confini netti, alcuni punti fermi – al di là della tenera bramosia di qualcuno di mettere flosci cappelli su ruoli “decisivi” inesistenti – si possono stabilire. I seguenti.

Il merito a fondamento dell’indirizzo politico affermato dal consiglio comunale giovedì notte – con 14 voti a favore alla mozione pro dormitorio e 8 contrari (Lega e lista “Rapinese Sindaco”) – va prima di tutto alla consigliera comunale del Gruppo Misto Patrizia Maesani, sostenitrice primigenia dell’idea, del testo e dei contenuti in esso messi nero su bianchi.

Con lei, i puntelli essenziali perché quella mozione prendesse vita e alla fine spiccasse il volo sono state le altre cofirmatarie dall’origine: Patrizia Lissi (Pd) e Barbara Minghetti (Svolta Civica). Senza il passo concreto di queste tre amministratrici, non staremmo probabilmente nemmeno parlando del dormitorio, del testo approvato e via dicendo.

Assieme a loro, essenziale è stata la compattezza fino all’ultimo di tutti coloro che hanno da subito deciso di appoggiare politicamente la richiesta del dormitorio e di firmare la mozione stessa: dunque i gruppi del Pd, di Svolta Civica, del Movimento Cinque Stelle, di Civitas e – fatto di grande rilievo per scompaginare da subito assetti altrimenti già segnati – di Forza Italia.

Questo nucleo variegato e bizzarro, la cui tenuta pur tra qualche scossone e qualche tensione, ha retto fino alla prova del voto conclusivo, ha impiantato l’origine di tutto ed è nato ben prima di qualsiasi campagna stampa, di qualsiasi altro elemento esterno.

Un altro snodo decisivo è poi stato senza dubbio stato l’addio di Ada Mantovani al gruppo “Rapinese Sindaco”, avvenuto proprio perché la consigliera voleva sostenere una battaglia in cui credeva e sperava a costo di una ferita (anche personale) sanguinosissima. Non è stato solo un voto in più a sostegno della mozione, quello di Mantovani. E’ stata l’affermazione di un ideale sopra l’ordine di scuderia. Cosa rara, rarissima di questi tempi.

Ma, sperando che non se la prendano tutti coloro che sono stati citati finora e il cui ruolo resta determinante in senso assoluto, al momento del voto e persino molto prima, altri due sono stati gli elementi davvero decisivi per l’esito che ora conosciamo.

In primo luogo questo discorso del deputato di Fratelli d’Italia, Alessio Butti, che di fatto – al di là di emendamenti più meno incisivi – ha spostato voti e consensi prima impensabili a favore del dormitorio (i meloniani dispongono di 4 consiglieri e in tre, assente Lorenzo Cantaluppi, hanno detto sì alla mozione).

Infine, un fattore che troppi forse hanno sottovalutato e che se si vanno a vedere i numeri è invece stato assolutamente determinante: l’emergere di dubbi rispetto al no assoluto al dormitorio sostenuto inizialmente dalla loro lista, “Insieme per Mario Landriscina”, nelle consigliere Sabrina Del Prete ed Elena Maspero (assieme all’assessore Marco Galli, che pure come tutta la giunta non vota).

Silenzioso, mai in prima pagina ma evidentemente determinato a far valere opinioni e malesseri nonostante i muri alzati a inizio dibattito dal capogruppo Franco Brenna e dall’assessore Elena Negretti (la quale però alla fine ha dimostrato ancora una volta fiuto politico, magari strumentale, ma nitido), questo trio ha portato all’astensione completa del gruppo al momento del voto. Ed è difficile, peraltro, pensare che il sindaco – al quale la lista deve il nome – non abbia altrettanto silenziosamente benedetto questa scelta.

I conti sono presto fatti: ricordando ancora una volta i meriti indiscussi e indiscutibili dei primi firmatari della mozione, se gli assetti politici fossero rimasti quelli originari (con Mantovani messa in riga da Rapinese, con i voti di Fratelli d’Italia e di Insieme contrari alla mozione) il 14 a 8 che ne ha permesso l’approvazione sarebbe rimasto una chimera, si sarebbe ribaltato con ampio margine e il documento sarebbe rimasto lettera morta.

Questi dunque, i fattori e i nomi che hanno realmente determinato l’esito del voto di giovedì notte. Il resto – credeteci – è fuffa. Cubitale, ma fuffa.

  1. mssmm

    da Raymond Queneau, Logo-rallye della città di Como :

    dormitorio

    fuffa

    forforosa ( da Céline )

    parcheggi

    residenze per anziani

    bivacchi

    ecc

  2. Ul cervel

    L’insipienza spacciata per fiuto politico

  3. Tutti hanno contribuito ma lascerei il merito a Maesani, Lissi e Mantovani che hanno presentato la mozione. In particolare a Maesani che su questi temi ha avuto il coraggio di uscire da FdI e approdare al Gruppo Misto. Se FdI avesse spinto sil dormitorio fin da subito, probabilmente Maesani sarebbe ancora la loro capogruppo.
    In realtà i veri sconfitti sono quelli che pensavano che fosse sufficiente la “demagogia” elettorale xenofoba e discriminatoria per sgomberare i bivacchi. I problemi non si risolvono con le “chiacchiere da bar” in cui vince la disputa su chi la spara più grossa ma con proposte alternative.

  4. Patrizia maesani

    Gioele, non spendiamo inchiostro sui meriti ma sul risultato. Grazie per la stima ma ritengo più interessante parlare dell’obiettivo raggiunto se no tutto si diluisce. Continuiamo a parlare di loro, gli invisibili. Il lavoro è stato iniziato ora tocca arrivare in fondo! Tutto il resto è secondario. Con simpatia e stima!

Rispondi a Patrizia maesani Annulla risposta

la tua mail non sarà pubblicata