Punti di vista

La non-mostra e la polemica Provincia-Sgarbi-Comune: ineccepibile costruzione sul nulla

(Foto di copertina Carlo Pozzoni)

In questi giorni “La Provincia” sta comprensibilmente dando molto spazio alla polemica a distanza tra Vittorio Sgarbi e la giunta di Como (con inclusione dell’assessore ombra alla Cultura, il consigliere Franco Brenna) per la mancata realizzazione di una presunta mostra a Villa Olmo con le opere della Fondazione omonima del critico (e gestita dalla sorella, Elisabetta).

Giornalisticamente ineccepibile: lo avremmo fatto anche noi, lo avrebbe fatto chiunque. A maggior ragione se le accuse al Comune di essere “sparito nel nulla” e “non aver mantenuto le promesse” dopo i primi abboccamenti di un anno fa (con tanto di visita a Palazzo Cernezzi del critico e successivo sopralluogo esplorativo di Elisabetta Sgarbi a Villa Olmo) vengono da un personaggione dalle qualità indiscusse, anche polemiche, come quelle del Vittorio nazionale.

In più, con l’addio ormai perdurante ai grandi eventi d’arte ospitati un tempo nella dimora neoclassica e la parallela fame di eventi che cresce sul Lario e in tutto il mondo, troppo ghiotta l’occasione per non cavalcare l’onda. Se poi aggiungiamo che Sgarbi si è lanciato nell’invettiva durante l’evento dedicato a Leonardo al Teatro Sociale sostenuto dalla stessa Provincia, allora è chiaro che il cerchio si chiude perfettamente.

Però, c’è un però. Anzi due.

Al netto della premessa che una mostra di Sgarbi in città, in astratto, sarebbe sempre meglio averla piuttosto che non averla (in generale è sempre meglio avere un quadro, una scultura, un ex libris in più, per la vita culturale di una comunità, piuttosto che sale e ville vuote), anche le polemiche giornalistiche nel loro piccolo si incazzano troppo, a volte.

Il motivo, in questo caso specifico, è presto detto.

Primo: nessuno, almeno pubblicamente (ci sono carte nei cassetti? Tiriamole fuori), conosce esattamente quale fosse la proposta espositivo-culturale di Sgarbi, di Elisabetta Sgarbi e della loro Fondazione Cavallini-Sgarbi per la città; nessuno sa quale fosse il progetto scientifico della presunta mostra; nessuno conosce quanto sarebbe costato il teorico evento e quale ritorno economico e di pubblico avrebbe potuto far ipotizzare; nessuno sa chi avrebbe finanziato l’evento e quale sarebbe stato l’impegno finanziario per l’amministrazione; nessuno sa in quale periodo si sarebbe dovuta svolgere la mostra virtuale, anche in relazione ai lavori che ancora devono interessare Villa Olmo.

Non è lana caprina: era previsto un solo quadro con un impegno economico di un milione di euro? O cento opere in arrivo a Como gratis? Erano attesi capolavori popolari, di nicchia, rinascimentali, futuristi, avanguardisti? L’allestimento ipotetico sarebbe nato da una trattativa diretta con la Fondazione o tramite bando pubblico? Si capirà che non c’è un mare ma una una serie infinita di oceani tra una opzione e l’altra, peraltro nella città che, proprio via stampa, riusciva a contestare al mai tanto rimpianto Sergio Gaddi qualche bilancio in rosso dopo aver portato qui centinaia di migliaia di visitatori a vedere Magritte, Picasso, Mirò e via dicendo.

Sgarbi e Gaddi a Villa Olmo (ph. Pozzoni)

Secondo: le cronache degli ultimi anni, giusto per aggiungere un po’ di pepe al tutto, dimostrano che ospitare una mostra curata da Sgarbi e basata sulle opere della Fondazione Cavallini-Sgarbi non è affatto garanza di successo a priori. A Trieste le polemiche sul flop di “Le stanze di Sgarbi”, nel 2017, risuonano ancora oggi, a Urbino “Rinascimento segreto” non è andata meglio, a Novara il bilancio complessivo è stato di 22mila visitatori per una spesa di oltre 200mila euro coperti in gran parte da sponsor, contributi e Fondazioni con un bilancio in pareggio sul filo di lana, mentre ad esempio nella sua Ferrara, al Castello Estense, l’evento sgarbiano è stato un successo (ma non privo di enormi polemiche per la concorrenza agli eventi di Palazzo Diamanti).

Altri casi con giudizi altalenanti si trovano facilmente, senza contare che l’esposizione che in teoria sarebbe dovuta passare da Como (un’ottantina di dipinti e sculture tra ‘400 e ‘800: ma è un pacchetto preconfezionato uguale per tutti o qui sarebbe stata altra cosa?) è finita a Caldes, in Trentino: 1.100 anime appollaiate tra i boschi a 700 metri d’altitudine. Con il massimo rispetto, non proprio New York, Londra o Parigi.

Insomma, godibilissima la polemica giornalistica. E se piace, benissimo fustigare con il nerbo di bue la giunta Landriscina due volte al dì, prima e dopo i pasti. Ma senza dati, numeri, cifre, ipotetici progetti, è più roba da Marchese De Sade che altro.

  1. Ettore

    Caro Como Zero insomma direi che in tutto questo un riferimento anche al mitico Marchese del Grillo ci starebbe !
    Sgarbi e ‘ quel che conosciamo e che avete descritto, anche Gaddi da voi menzionato e’ stato etichettato a dovere, ma ora saremo noi spettatori e lettori a doverci porci interrogativi, o voi testate gionalistiche e giornalisti a fornirci documentazione idonea affinche’ si possa dare parere negativo o positivo sulla vicenda ?????

  2. mssmm

    Como ha bisogno di happenings ;

    per esempio si potrebbe riproporre l’happening descritto da Duchamp nella Parigi di qualche anno fa :

    ” c’erano galline spennate che ci si tirava in testa.
    Era qualcosa di spaventoso!
    Altre volte, la gente si rotolava nella crema o nel fango ”

    ( Ingegnere del tempo perduto – Duchamp e Cabanne )

  3. Franco

    No Gaddi, no mostre….. è un dato di fatto, il resto sono solo chiacchiere e distintivo

  4. Valentina

    Qualcosa non mi torna: Rinascimento Segreto: 48mila visitatori in quattro mesi. La mostra fra Urbino, Pesaro e Fano prorogata fino all’1 ottobre
    di Redazione
    8 settembre 2017

    URBINO – Grande successo per la mostra Rinascimento segreto a Fano, Urbino e Pesaro curata da Vittorio Sgarbi, che nei quattro mesi di apertura ha superato 48.000 visitatori, registrati complessivamente nelle tre sedi di mostra. Notevole l’apprezzamento da parte del pubblico e della critica

  5. periferico

    per una mostra di livello serve organizzazione, volontà ed idee chiare e purtroppo pare che questi elementi scarseggino.

  6. Comino

    Però mi pare di capire, da questo articolo, che a fronte della proposta non si siano nemmeno (sottolineo nemmeno) valutate le condizioni e le richieste per poter dire di no: semplicemente i nostri hanno ignorato la proposta, optando per offrirci la mostra sull’ “immobilismo Comasco” che comunque, indirettamente, paghiamo.

  7. Gigi

    Ma è possibile che un soggetto apprezzato addirittura in Giappone, un soggetto che conosce molto bene ed ha già lavorato con il Vittorio nazionale, un soggetto che non un volta ma nove ha dimostrato di saper organizzare eventi di altissimo livello con centinaia di migliaia di visitatori, un soggetto che nonostante tutto ciò ti saluta ancora per strada e ti risponde sempre al telefono anzi a volte ti chiama per chiederti come va, ma è possibile mi chiedo che non venga coinvolto ed incaricato di svegliare un poco questa bella Como assopita da anni.
    Domo arigatò SERGIO San.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata