satira

“Isolato o vaccinato”. La campagna “strong” dei medici comaschi (contro le bufale web)

I vaccini sono una delle armi più efficaci e sicure per la prevenzione delle malattie infettive. E per sensibilizzare l’opinione pubblica e ribadire l’importanza delle vaccinazioni, l’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Como è sceso in campo per il terzo anno consecutivo con la campagna di comunicazione sociale “Ascolta il consiglio del tuo medico: vaccinati!”.

In vari punti della città di Como e Provincia sono stati affissi manifesti dove campeggiano le immagini di bambini e la frase “Isolato …..o vaccinato” con lo scopo di sensibilizzare i cittadini.

“E’ necessario tenere alta la percezione del rischio – commenta Gianluigi Spata, Presidente dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Como e medico di famiglia – e soprattutto diffondere il messaggio chiaro e semplice che la pratica vaccinale è per il bene comune, a tutela anche di tutti coloro che non possono vaccinarsi perché affetti da patologie che controindicano la vaccinazione”.

Nel 2017 sono stati 5402 i casi segnalati di morbillo con 4 decessi; le nuove rilevazioni dell’Istituto Superiore di Sanità hanno evidenziato che al 30 settembre 2018 i casi di morbillo sono stati 2.295 che, confrontati allo stesso periodo del 2017 ( 4617 casi) hanno evidenziato una diminuzione del 50% . I dati relativi alla nostra regione, per lo stesso periodo, hanno dimostrato un netto miglioramento passando da 762 casi nel 2017 a 149 casi nel 2018. In Europa purtroppo nei primi sei mesi del 2018 si sono registrati 41.000 casi di morbillo con 37 decessi a fronte dei 23.000 casi di tutto il 2017.

“I dati sopra riportati – prosegue Spata – sono sicuramente confortanti per la situazione del nostro Paese e sono da attribuire all’aumentata copertura vaccinale dovuta anche all’introduzione dell’obbligatorietà delle vaccinazioni oltre che a una continua campagna di sensibilizzazione al problema; ora sarebbe molto pericoloso abbassare la guardia perché si tornerebbe a sottovalutare i rischi e le complicanze che possono provocare tale patologia. Bisogna mantenere alta l’attenzione, perché comunque 2.300 casi al 30 settembre 2018 sono sempre un numero importante”.
L’iniziativa è giunta al terzo anno raccogliendo molti consensi.

“La campagna di corretta informazione vaccinale deve continuare – informa Daniele Lietti, Direttore U.O. di Pediatria Ospedale Valduce e Consigliere dell’Ordine – ricordiamo che le vaccinazioni non sono solo la scelta migliore per noi stessi ma anche un doveroso gesto di solidarietà nei confronti dei bambini che, perché troppo piccoli o malati, non possono essere vaccinati”.

La campagna di quest’anno si rivolge soprattutto ai bambini.

“Quest’anno ci siamo concentrati sui bambini – aggiunge Marina Russello, consigliere e coordinatrice della commissione aggiornamento dell’Ordine – per fare in modo che nei genitori cresca la consapevolezza che quel semplice gesto della vaccinazione sia un bene per il proprio figlio e per la collettività. Abbiamo anche voluto richiamare l’importanza del ruolo del medico curante che deve essere l’unico punto di riferimento per il cittadino. Può essere pericoloso, infatti, imbattersi nelle false notizie del web”.

  1. angela clemeno

    Ma vergognatevi anche di dare solo risalto a questa scandalosa campagna di bullismo!

  2. Lele

    La prima frase la chiuderei con un punto di domanda e non con un punto semplice.

  3. Carlo Degliantoni

    E’ penoso che dei (presunti) professionisti scrivano cose del genere.

  4. Luca Olivieri

    Dottori!Andate a lavorare…

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata