Solidarietà e Sociale

La pioggia non ferma gli amici del piccolo Geky: in 500 alla camminata benefica

Erano 500 solidali e forti. E tutti di corsa, naturalmente.

La pioggia incessante non ha infatti fermato i partecipanti alla camminata benefica “Corriamo con Geky”, che a dispetto del maltempo si sono presentati in tantissimi in piazza Cavour.

“Perché se non piove mentre è sereno non vedi l’arcobaleno” dicono d’altronde le parole della canzone di Geky, il bambino di 9 anni che 6 anni fa è volato in cielo per una meningite fulminante e da cui è nata l’associazione “Sorriso di Geky” grazie a papà Ermanno, mamma Ilaria e altri amici che hanno voluto realizzare questo evento gioioso.

Va ricordato che la camminata ha anche l’obiettivo di destinare risorse per sostenere progetti in diverse scuole a favore di bambini e ragazzi svantaggiati che necessitano di un particolare supporto nello studio.

Celesti, quest’anno, le magliette che hanno punteggiato la sgambata a fin di bene per le vie della città e fino a Cernobbio, con tanto di colazione iniziale dei runner a casa dei nonni di Geky, riscaldamento muscolare in piazza, animazione dei clown di corsia amici di Geky dai tempi delle cure in ospedale, quando a 7 anni ha dovuto affrontare una malattia difficile.

Infine, la camminata, tra risa, abbracci e tanti tanti volontari che hanno partecipato anche aiutando: dagli alpini, agli scout, dai ragazzi dell’oratorio e diverse associazioni e gruppi sportivi.

Finale a Villa Erba per la Messa e poi il pranzo insieme. “Non dobbiamo smettere di andare a fondo dei desideri del nostro cuore, Geky ha vissuto così, pienamente ogni giorno col sorriso”; ha detto don Andrea Messaggi che ha concelebrato insieme a don Roberto Bartesaghi.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata