Cultura e Spettacolo

Raffaele Paganini battezza la nuova Accademia di Musica e Danza Palazzo Valli Bruni

A Como, nella prestigiosa sede di Palazzo Valli Bruni, l’omonima Accademia di Musica e Danza ha celebrato oggi la sua rinascita. Obiettivo: diventare un punto di riferimento territoriale nella didattica Musicale e Coreutica.

Numerosi gli ospiti di prima grandezza ospiti del direttore d’orchestra Roberta Di Febo, direttrice e fondatrice dell’Accademia stessa: Silvia Corbetta conduttrice di Sky Classica, Guido Stancanelli District Manager Banca Generali Private Como, Mario Landriscina, sindaco di Como, e dulcis in fundo ospite d’eccezione l’étoile Raffaele Paganini, testimone unico del valore della danza e della sua stretta collaborazione con l’Accademia. L’evento è stato accompagnato lda momenti musicali con docenti ed allievi dell’Accademia.

Novità assoluta è la costituzione di corsi preaccademici di musica e danza inaugurati dall’anno scolastico in corso con esami di passaggio e finali certificati con il logo del Ministero.

L’Accademia quindi, ricostruisce la sua identità che include sia i nuovi corsi preaccademici, sia i corsi amatoriali già in essere da anni e denominati con il titolo “L’Accademia per Tutti!”.

Roberta Di Febo, direttrice e fondatrice dell’Accademia sottolinea: “Siamo felici di essere una delle poche realtà a presentare un percorso professionale finalizzato a tutti coloro che desiderano frequentare una Scuola che certifichi, in modo riconosciuto, tutte le competenze musicali e coreutiche fondamentale per l’ ammissione al Liceo (per ottenere il Diploma di Stato) o per la preparazione all’ammissione in Conservatorio per la Musica o all’Accademia Nazionale di Danza di Roma, per la Danza, al fine di conseguire la Laurea specifica e riconosciuta dallo Stato con docenti qualificati di altissimo livello”.

Per sottolineare il valore aggiunto del prestigioso Palazzo, sede dell’Accademia, abbiamo deciso così di rinnovarne anche la denominazione in Accademia di musica e danza Palazzo Valli Bruni-Giuditta Pasta Como”.

L’Accademia, mantiene ad ogni modo il legame con il Liceo Musicale Coreutico “Giuditta Pasta” istituito a Como nel 2013, punto di riferimento sulla scena, essendo uno dei pochi Licei riconosciuto dal Ministero con entrambe le sezioni: una dedicata alla Musica ed una dedicata alla Danza.
Il nuovo percorso formativo dell’Accademia di musica e danza Palazzo Valli Bruni, prevede già un primo inserimento all’età di 4 anni con un corso propedeutico al preaccademico.

Il vero corso preaccademico con un programma ministeriale assegnato inizierà intorno ai dieci anni di età e sarà suddiviso in tre periodi che prevedono lo studio approfondito di diverse materie in base all’indirizzo scelto. È previsto un esame di passaggio alla fine di ogni anno scolastico ed una certificazione riconosciuta alla fine di ogni periodo con l’utilizzo anche dei crediti formativi, come accade all’Università. L’eventuale ammissione al Conservatorio o all’Accademia Nazionale (unica Università della Danza riconosciuta a livello legale) non è obbligatoria.

Per la Danza è possibile anche solo seguire un percorso di formazione per la preparazione alle audizioni di diverse Compagnie o Teatri, e per la Musica può essere anche solo una preparazione di ottimo profilo per inserirsi nel mondo lavorativo artistico non necessariamente da Performer.

Le prime audizioni per i corsi amatoriali e professionali dell’Accademia sono aperte a musicisti e ballerini di qualsiasi età e livello di preparazione e si terranno il 12 e 13 ottobre presso la sede dell’Accademia. Le audizioni per i corsi preaccademici riconosciuti prevedono un livello tecnico di base che sarà oggetto di valutazione.
E’ necessario prenotarsi per poter accedere alle audizioni: accademiag.pasta@hotmail.com.

Telefoni: 348/1256737 o 031/249996

  1. Bravissima Roberta Di Febo! Si tratta di una realtà che va a coprire un’area di formazione sempre troppo frammentaria! Anche la Musica (come la Scienza) pura non sono mai state abbastanza valorizzate in Italia! Come si insegna Storia dell’Arte, dovrebbero essere sempre presenti nei programmi ministeriali almeno dei Licei corsi di Storia della Musica e Storia della Scienza!

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata