cinque sensi

Slow lake, storie di pesci e pescatori con musica folk e sapori di lago

Dl 17 al 22 luglio la terza edizione di “Slow lake”. La manifestazione è nata grazie alla collaborazione tra la condotta locale di Slow Food, l’associazione pescatori “APS” della provincia di Como e il supporto logistico e la location del ristorante Caffè Teatro.
La rassegna ha accresciuto l’interesse sia verso la popolazione residente curiosa di conoscere il proprio lago, che i turisti in transito in una delle piazze più suggestive della città. Scopo di “Slow lake” è proprio diffondere la “cultura” e l’immagine di un lago ecosostenibile dove la sua risorsa, quella ittica, si integra con equilibrio nella delicata filiera agroalimentare a spiccata vocazione turistica.

L’aumento dei flussi turistici ha infatti spinto e moltiplicato le iniziative gastronomiche legate al consumo dei prodotti tipici del lago. Conoscerne la storia e le tradizioni, legate a filo doppio con l’ecosistema lago, è veicolo non solo di promozione delle eccellenze a scopo turistico, ma anche per accrescere la consapevolezza tra gli operatori economici e i residenti, del delicato equilibrio che regola la biodiversità. La manifestazione proporrà dunque un articolato programma capace di attirare l’attenzione non solo agli addetti ai lavori ma a tutti i target di riferimento: cittadini e turisiti.

Conoscere il lago per viverlo meglio e gustarne tutti i suoi sapori sarà il filo conduttore del programma suddiviso in tre filoni: lo storytelling, la rievocazione della storia e della tradizione della pratica della pesca, la degustazione dei sapori legati alla filiera ittica a chilometro zero.

LO STORYTELLING: raccontare il lago e la pratica della pesca grazie ai suoi protagonisti del passato e del presente. Sono due i momenti proposti nei locali del ristorante caffè teatro:

il 18 luglio dalle 18 alle 20 si alterneranno tre protagonisti: ANTESITT E MISULTITT Carlo Romanò dell’Utr Insubria di Regione Lombardia racconterà “L’agone, una ricchezza dei grandi laghi lombardi”; BRACCONIERI E GUARDIAPESCA – Giorgio Porta, guardiapesca volontario della Provincia
di Como, racconterà di agguati e inseguimenti; LA VIGILANZA ITTICA SUL LARIO sarà il tema trattato dal presidente del consiglio di Regione Lombardia, Alessandro Fermi.

Il 20 luglio dalle 18 alle 20 saranno protagonisti: HERR LAVARELLO E MADAMOISELLE BONDELLA Alberto Negri, ittologo e responsabile dell’incubatotio di Fiumelatte racconterà la vera storia dei coregoni lariani; RETI DA PESCA Sandro Sala, pescatore di professione a Bellagio, racconterà della figura del pescatore a metà strada tra la foto coor seppia e la pagina face book; IMPORTANZA DELLA PESCA NELL’ECONOMIA LARIANA sarà il tema trattato da Fabio Rolfi, assessore
all’agricoltura, caccia e pesca di Regione Lombardia.

STORIA E TRADIZIONE: in piazza Verdi sarà allestito uno spazio per la rievocazione della pesca tradizionale del Lario. Una Lucia sarà al centro di un piccolo laboratorio di pesca con gli attrezzi tipici e la presenza di alcuni pescatori impegnati nel riassetto delle reti e disponibili a spiegare ai curiosi origine e uso degli attrezzi in mostra. Inoltre una decina di specie ittiche del lago faranno bella mostra in una cella frigo a vetrina. Chiunque potrà cercare di indovinare il nome delle specie compilando una scheda. Chi riuscirà nell’impresa riceverà un aperitivo omaggio che potrà consumare sul posto. Un musicista di strada intratterrà i passanti proponendo il repertorio di musica popolare lombarda legato alla tradizione contadina
ed in particolare a quella dei laghi e dei fiumi della Brianza e del Lario.

I SAPORI: grazie alla collaborazione tra la condotta di Como di Slow food e il ristorante Caffè Tetaro a fine incontri e durante l’intero periodo saranno proposti assaggi di lago selezionati e a chilometro zero. Dalla bottarga di lavarello al patè, dalle lische di agone al tradizionalissimi missoltino. La consumazione sarà proposta sul plateatico del ristorante ad un costo standard.

GLI ORGANIZZATORI:
APS COMO, Associazione Dilettantistica Provinciale Pescatori Sportivi e Subacquei, è nata nel 2001,
raccogliendo l’eredità di rappresentanza dei pescatori sportivi comaschi dalla locale Sezione Provinciale
FIPSAS presente a Como dagli anni cinquanta. Da allora uno dei principali obiettivi statutari è stato quello di
non disperdere, ma anzi recuperare, la secolare storia della pesca nelle acque lariane. Oggi conta più di
4.000 soci. Il presidente Luigi Guglielmetti.
A.P.S. COMO – F.I.P.S.A.S. Associazione Dilettantistica Provinciale Pescatori Sportivi e Subacquei
Via Don Bosco, 8 – Lora (CO) P.IVA e C.F.02621720131 info@aps-como.it Telefono: 031.302747
Cellulare: 331.7619687
La Condotta è la radice di Slow Food sul territorio, associazione nazionale. Slow food Como organizza per i
soci appuntamenti e iniziative enogastronomiche, crea momenti di convivialità, valorizzando prodotti,
cantine e artigiani del territorio. La Condotta propone corsi di degustazione, laboratori del gusto, incontri
conviviali e facilita la conoscenza di nuove realtà enogastronomiche e quella di prodotti di altre zone. Il
presidente è Antonio Moglia 349 5734462
La Condotta a Como ha sede in Via Paolo Nulli 2 – 22100 c/o ristorante “I Gradoni” Codice Fiscale:
95105980130.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata