Attualità

Casa del Fascio senza ex, Russo: “Sdogana il fascismo. Piazza del popolo, piazza dell’Impero?”

Ha innescato un notevole dibattito la proposta dell’architetto Attilio Terragni di togliere dalla denominazione ufficiale della Casa del Fascio il prefisso ex (qui l’articolo, qui il sostegno incassato dall’assessore di Fratelli d’Italia Marco Butti).

Sul profilo Facebook dell’architetto – che, nemmeno troppo per inciso, è nipote del maestro Giuseppe Terragni – l’articolo rilanciato ha suscitato decine di commenti, per la maggioranza favorevoli al nome del capolavoro razionalista “duro e puro”. Come noto, a rilanciare la discussione è stato anche l’Ordine degli Architetti di Como che nell’invito ufficiale alla celebrazione del 60esimo anno dalla fondazione – con una bella Casa del Fascio stampata – ha comunque aggiunto quell’ “ex” pomo della discordia.

Oggi, a schierarsi nettamente contro ogni ipotesi di revisionismo scende in campo – partendo da sinistra – Emilio Russo, già consigliere del Pci, segretario del successivo Pds e ora coordinatore provinciale di Articolo 1-Mdp.

“Trovo che, al di là del merito, la proposta sia strumentale e segnali il tentativo di “sdoganare” il regime fascista agganciandosi a un clima politico e alla deriva nazionalista-populista-sovranista di una parte dell’opinione pubblica – dice Russo – Dice niente l’idea balzana della Mussolini di denunciare chi “insulta” il nonno?”.
Liquidato con velenoso sarcasmo l’appoggio dell’assessore Marco Butti a Terragni con un “temo che “l’assessore” vorrebbe anche riportarci il Partito Nazionale Fascista”, Russo prosegue con toni duri.

“Personalmente, non credo che il cuore dell’opposizione oggi possa “l’antifascismo” – afferma – ma a maggior ragione sono convinto che l’idea di rivalutare il fascismo per sostenere le politiche devastanti di questo governo sia una follia da respingere con decisione. E poi, allora, perché non ribattezzare anche Piazza del popolo come “Piazza dell’impero”? Prima o poi l’idea di invadere qualche Paese africano dovrà pur venire a Selfini“.

  1. Gioele

    Trovo assai ridicolo che qualcuno, nel 2018, possa pensare che la soluzione alla attuale crisi identitaria delle società occidentali, sia un ritorno al fascismo e ai suoi simboli. Tra l’altro lo stile razionalista è ben lontano dai modelli architettonici che hanno caratterizzato il Ventennio finalizzati alla manifestazione di potenza e all’autocelebrazione del regime.
    Non sono neppure d’accordo tuttavia nell’assimilazione della figura di Mussolini a quella di Salvini…semmai il secondo può essere assimilato a Starace….forse neppure a lui.
    Il fascismo ha avuto aspetti ridicoli ma non paragonabili a questa gente.

  2. l'armando

    Solita tiritera PCI – sarebbero felici di avere una Piazza Rossa da gestire – abolire le frontiere ad est e magari qualche cavità carsica…
    A tal proposito sottopongo di visionare una pellicola presentata a Venezia dal titolo Red Land.

    • Gioele

      Come sempre la saggezza del Sig.Armando ha colto nel segno!
      Adesso come allora c’è chi guarda a modelli illiberali a est e da quelli si fa diezionare…..in quello Mussolini è stato diverso: ha guardato a nord.

    • hakluyt

      Il solito processo alle intenzioni: mi pare che nessuno abbia mai parlato di voler “avere una Piazza Rossa da gestire”.
      A parte Butti; lui sì che vorrebbe avere una Casa del Fascio (senza ex) “da gestire”…

  3. mssmm

    ( consiglio la lettura di XXCO 1. 1900-1945 di Fabio Cani )

  4. Mario Di Salvo

    Andando ad Atene, qualcuno andrà a visitare non il Partenone, ma l’ex Partenone, per timore, o pudore, di essere scambiato per un fedele seguace della dea Atena Parthenos.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata