Attualità

Piscina di Muggiò chiusa, Como Nuoto mette il Comune nella calza: “Noi, ridotti a trottole”

ll coro di proteste per la chiusura della piscina di Muggiò si allarga e include anche Como Nuoto che, ieri mattina ha tenuto un sit-in di protesta davanti a Palazzo Cernezzzi. Durante il presidio, una lettera di protesta è stata affissa sulla porta del Comune.

Presenti, le famiglie e i giovani atleti della società, uniti nella richiesta di riaprire i battenti dell’impianto. Richiesta simbolicamente diretta alla Befana, come specificato nel messaggio indirizzato all’amministrazione comunale.

Di seguito riportiamo il testo della lettera appesa, insieme a una calza rossa e verde, alle porte del Municipio:

“Cara Befana,

Come vedi i nostri ragazzi hanno un unico desiderio, che la piscina di Muggiò riapra al più presto così da potersi allenare nella loro città senza dover girare come delle trottole per le piscine della provincia.

Noi genitori sappiamo che tu, Befana passi gran parte delle tue giornate in Municipio per cui abbiamo pensato che portare i nostri figli qui da te fosse un modo per far sentire il forte e chiaro il loro desiderio. Noi genitori sappiamo anche che questi desideri richiedono tempo ma pensiamo che 189 giorni che ti sei presa fino ad ora per risolvere il problema della nostra piscina siano troppi!

Sono troppi e se pensi che non ci hai mai detto che bene cosa sta succedendo  a che punto siamo nel tentativo di risolvere la quel che sembra essere un problema burocratico e non ci hai mai detto quando  la piscina potrà riaprire! Noi sappiamo che la mancanza di un “quando” significa che nessuno si sta assumendo responsabilità di agire per consentire ai nostri ragazzi di tornare ad allenarsi in condizioni decorose.

Sembra che tu non abbia a cuore questi ragazzi! Prova a passare una giornata con loro condividendo i loro sacrifici, vedendo quanta grinta e quanta passione mettono per sostenere l’impegno scolastico e sportivo. Cara Befana sembra che tu abbia voltato le spalle a questi ragazzi che portano orgogliosi sulla maglia il nome della nostra città: Como.

Ci uniamo ai nostri figli nel chiederti di adoperarti affinché la piscina di Muggiò possa riaprire il prima possibile e di assumere un atteggiamento più trasparenti nei nostri confronti, abbiamo il diritto di essere informati!”

Sulla lettera, poi, altri cittadini hanno apposto dei messaggi di supporto, come riportato nella foto qui sotto:

Nei giorni scorsi anche Giovanni Dato, presidente di Pallanuoto Como, ha indetto un sit-in di protesta davanti alla piscina di Muggiò previsto per mercoledì 8 alle 19.15, rilasciando inoltre un video-messaggio con alcune critiche all’amministrazione comunale.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata