Economia

FOTO-VIDEO Fabbrica Diffusa: il futuro è già a ComoNext (con braccio robot che dà la mano)

FOTOSERVIZIO CARLO POZZONI

ComoNext, l’Innovation Hub che a Lomazzo raccoglie oltre 130 aziende e circa 850 “lavoratori della conoscenza”, ha messo a punto il progetto Fabbrica Diffusa, una reale fabbrica 4.0 i cui reparti – interconnessi – sono localizzati presso diversi poli di innovazione sul territorio nazionale.

All’interno di ComoNExT e di ciascuno dei poli della Fabbrica Diffusa, da oggi è possibile conoscere alcune delle tecnologie più all’avanguardia che stanno trasformando il mondo della produzione e del lavoro e toccare con mano la digitalizzazione dei processi produttivi e Industria 4.0.

Secondo i dati dell’Osservatorio Internet of Things della School of Management del Politecnico di Milano, infatti, il 95% delle imprese ha sentito parlare almeno una volta di soluzioni Internet of Things per l’Industria 4.0, ma il reale livello di conoscenza è ancora limitato (con un punteggio di 6,5 su 10) e insufficiente fra le PMI (5 su 10). Il mercato italiano dell’Internet of Things, tuttavia, continua a crescere a ritmi sostenuti raggiungendo il valore di 5,0 miliardi di euro, con un aumento del 35% 2018 rispetto al 2017.

Il reparto di fabbrica realizzato a ComoNExT grazie al prezioso contributo della Camera di Commercio di Como–Lecco, è parte di una rete di dimostratori di Industria 4.0 dislocati in diverse città d’Italia e collegati tra loro attraverso un sistema di videoconferenza che consente la visione dell’intero panorama delle tecnologie abilitanti Industria 4.0 presenti nella Fabbrica. I diversi dimostratori, come fossero veri e propri reparti di un’azienda ideale, sono caratterizzati da specializzazioni differenti tra loro e integrate, che definiscono una linea di produzione completa.

I partner di Fabbrica Diffusa, dunque, collaborano nella realizzazione di “storie di fabbrica”, lungo tutta la filiera verticale, per trasmettere il senso della digitalizzazione dei processi, della connessione degli strumenti, della raccolta e dell’uso dei dati.

In particolare, la Fabbrica Diffusa è costituita dai seguenti reparti: progettazione e simulazione processo, a Castellanza (Liuc – Università Carlo Cattaneo); design, a Milano (Cariplo Factory, con ComoNExT capofila del progetto); agricoltura di precisione, a San Michele all’Adige, Trento (Fondazione Edmund Mach, HIT – Hub Innovazione Trentino); manifattura additiva metallica e polimerica, a Rovereto, Trento (ProM Facility, HIT – Hub Innovazione Trentino) e a Udine (Friuli Innovazione); linea di imbottigliamento, a Caserta (012 Factory); fine linea/sorter GDO, a Lomazzo, Como (ComoNExT – Innovation Hub).

“Fabbrica Diffusa è un luogo dove imprese, professionisti e studenti possono toccare con mano e sperimentare le tecnologie di Industria 4.0 verificando quali e in che modo possono essere applicate alla loro realtà per migliorare processi e prodotti o per definire nuove soluzioni – ha dichiarato il Direttore Generale di ComoNExT, Stefano Soliano – Siamo orgogliosi di portare questo servizio alle imprese attraverso un progetto corale e aperto ad ulteriori collaborazioni, a dimosrazione di come la trasformazione digitale delle imprese, piccole e meno piccole, sia una necessità sentita come urgente su scala nazionale”.

Fabbrica Diffusa si rivolge alle industrie manifatturiere, con l’obiettivo di fare conoscere e divulgare le logiche alla base dell’Industria 4.0, agli innovatori, per fare sperimentare sensori, software e integrazioni non ancora in circolazione, agli studenti e, in ottica di formazione, ai collaboratori delle imprese, rendendo disponibile un’aula esperienziale dove imparare a utilizzare nuove tecnologie e processi produttivi.

L’ “isola di fabbrica” realizzata a ComoNExT a Lomazzo è un “fine linea”, cioè la parte più a valle della filiera, in cui impianti tradizionali convivono con le tecnologie più avanzate e contribuiscono ad apportare quel piano di digitalizzazione ormai sempre più richiesto per stare sui mercati.

In particolare accedendo al dimostratore di ComoNExT è possibile fare esperienza diretta di strumenti e tecnologie grazie alle quali incidere in modo importante sulla produttività e sulla competitività di un’azienda: dal robot cartesiano per le operazioni di pallettizzazione e depallettizzazione, al robot collaborativo che sgrava l’operatore umano in un flusso di lavoro congiunto; a questi si aggiungono telecamere, sensori e algoritmi che consentono di monitorare costantemente i flussi di lavoro attraverso una costante comunicazione tra le diverse macchine. Il tutto in costante connessione con gli altri reparti della Fabbrica Diffusa.

Attualmente i fornitori di tecnologie Industria 4.0, hardware e software, presenti nel dimostratore di ComoNExT sono i principali player nazionali e internazionali: Cisco, ESA Automation, Festo, Kaeser Kompressoren, KUKA, Nebbiolo Technologies, Robotunits, SIAT, Schunk. Sono invece “Tech master”: Synesis, Fluxedo, Porini, Rite Hite, Servitly.

FOTOSERVIZIO CARLO POZZONI

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata