Politica

Censimento Rom. Bernasconi (Caritas): “Salvini mi fa ribrezzo, lo allontanerei dal genere umano”

La prego, sono pensieri personali che condivido a titolo personale. Lo scriva, parlo da uomo che vive il Vangelo con tutto il proprio cuore. Sto molto male in queste ore“.

Precisato questo, Roberto Bernasconi non si contiene. Il ministro Matteo Salvini, la comunità Rom, il censimento etnico. Le notizie delle ultime ore hanno toccato profondamente il direttore della Caritas di Como.

Mani affondate nella vita, da sempre. Nella vita e nelle pieghe più violente e strazianti del dolore, della miseria. Povertà, malattia, migrazioni il direttore e i suoi ne hanno viste passare di storie tra spazi di accoglienza, tendoni, mense, centro migranti, strade.

Abbiamo contattato Bernasconi per sapere se vi fosse qualche cittadino comasco, Rom o Sinti, con cui si potesse scambiarequalche parola. “A Como la situazione è molto diversa dal resto della Lombardia – ci ha spiegato Bernasconi – non esiste una comunità, ci siamo sempre chiesti come mai”. Così:

Se la sente di condividere un pensiero sulle uscite di Salvini?

Credo il ministro per primo dovrebbe sapere che non esiste sangue puro, nessuno di noi ne ha, lui nemmeno. Quanto ha dichiarato è agghiacciante, ci avvicina a quello che è accaduto subito dopo la prima guerra mondiale, quando si teorizzò la razza

Parliamo di nazismo? 

Si chiama anche nazismo o fascismo o comunismo esasperato. La Storia restituisce molti nomi e non vorrei l’Italia si avvicinasse a quanto accade in alcuni Paesi dell’America Latina

Oggi Salvini, dopo qualche correzione di rotta, ha rincarato: “Vado avanti”

Mi fa ribrezzo, allontanerei queste persone dal genere umano, sto male, molto male in questo momento. Chi vive il Vangelo non può che soffrire. Non sono cose degne di una nazione civile, degne di nessun uomo o donna. Chi urla in questo modo è privo di idee. La politica nasce dal ragionamento, dal pensiero

Ha paura?

Sì ma non per me, non per la Chiesa. Ho paura per il nostro Paese, spero abbia la capacità di superare questo momento e guardare al futuro

E’ davvero difficile pensare a un censimento etnico

Lo spero, spero sia la solita propaganda. Ma quando si toccano l’uomo e la libertà è molto pericoloso scherzare

LEGGI ANCHECarlo, sentinella leghista anti Rom: “Foto, multa e via da Erba. Sono persone sgradite”

EDIT: Censimento Rom, Turba: “Bernasconi stia sereno. Questo è il cambiamento che vogliono i cittadini”

  1. Ambrogio Rossi

    Se mi occupo di 1000 migranti e ricevo 35 Euro al giorno per accudirli e ospitarli e ne spendo solo 25, mi restano 10 Euro che moltiplicati per 1000 fanno 10.000 che per un mese fanno 300.000 che per 1 anno fanno ben 3.600.000 Euro!!! Facciamo che ne risparmio solo 5 di Euro …. fanno sempre 1.800.000 Euro…..

    Sarei arrabbiato anch’io con chi tenta di bloccare il flusso di migranti…..

  2. luciana

    “Lo allontanerei dal genere umano” … che cos’è, scusi sig. Bernasconi?
    Saggia parola evangelica, o esempio di profonda umanità?

  3. Dante Manzi

    Bernasconi pensi si milioni di italiani ridotti in miseria e in disoccupazione invece di fare il buonista (chissà per quale motivo 😅😇) in favore di chi delinque , ruba e fa la bella vita a nostro carico (come i cosiddetti “migranti” con vitto alloggio e paghetta che neanche i nostri figli e nipoti possono permettersi )

  4. Marco

    Signore lo bernasconi puole me dire cosa, ma salvini nazista perchè vuole censire e schedare rommme? E allora essere daccordo con me bernascone che sessanta milioni di italiani censiti e schedati è male qui gatta ci cova siamo uno stato nazista. Dobbiamo liberare 60 milioni di italiani dalla schedatura nazista, vero bernascone?

  5. Clara Grimaldi

    Aldo Podda Ragazzi devo raccontarvi una storia. 49 anni fa, quando nacqui, i miei genitori furono costretti dallo Stato a fare una cosa di un nazi-fascismo rivoltante: hanno dovuto “Registrami all’anagrafe”!!!. Sì signori, questa è la triste realtà! Lo Stato, tra l’altro, ha avuto anche l’ardire di assegnarmi un codice fiscale e una carta d’identità che, com’è noto, sono i tipici strumenti fascisti per schedare le persone. Ma non è finita…nel corso della vita sono anche stato obbligato, ogni qualvolta cambiavo residenza, a denunciare quella nuova!!!! Ma vi rendete conto?? Ogni volta che ho cambiato casa, ho sempre dovuto prontamente comunicare l’indirizzo della nuova residenza…veramente pazzesco!! Per non parlare, poi, di tutte le certificazioni e dichiarazioni varie di proprietà dell’auto, della casa, dei redditi ecc. e di tutti i controlli fiscali che da essi derivano e che “subisco” continuamente!!! Ricordo,inoltre, con orrore crescente, quando i miei genitori hanno dovuto iscrivermi a scuola, pena la denuncia per violazione dell’obbligo scolastico e quando, (ancora oggi mi vengono le lacrime agli occhi), sono stato sottoposto alla duplice violenza della schedatura connessa alla leva obbligatoria (veramente abominevole, meno male che l’hanno tolta!!) comprensiva della rilevazione di tutti i miei dati antropometrici: una cosa intollerabile in uno stato democratico!
    Devo, quindi, prendere atto che lo Stato mi ha sempre schedato come e quando più gli è parso e piaciuto e, a cadenza regolare, osa persino chiedermi conferma della loro validità.
    E allora mi chiedo: ma mentre si è lasciato che mi facessero tutto “questo”, dove CAZZO erano i paladini della sinistra e i vari Saviano & C. che adesso si stracciano le vesti per il censimento dei ROM che, come tutti sanno, sono tra le categorie più miti, mansuete e oneste del mondo?? copiato da un Amico è voglio condividere il suo pensiero

  6. Davide

    ciò che disgusta è l’ipocrisia di certi sacerdoti di sinistra, che su temi morali che la Chiesa difende da 20 secoli stanno zitti poi si scandalizzano se si propone di mettere i nomi dei ROM all’anagrafe (cosa che fanno a tutti i cittadini onesti normali quando nascono, ci danno anche un codice fiscale questi “fascisti”, chissà perché ai ROM la legalità non può essere imposta)
    Che si vergogni questo infame Bernasconi che parla in questo modo un essere umano con opinioni diverse dalle sue invece di accoglierlo, e lo stesso vale per il prete lecchese che diceva di cacciare Salvini fuori dalle chiese. Ma siete voi che vi cacciate fuori dalla Chiesa da soli, razza di vipere ipocrite.

  7. Paolo

    Io allontanerei dal genere umano quei ladri farabutti esseri inutili mangiapane a tradimento dei ROM, e lei insieme a loro!!!

  8. Graziano

    L’hanno scorso mi è arrivato il questionario dell’Istat che mi annunciava di essere stato scelto (che culo) per le indagini statistiche e che a mesi alterni, mi avrebbero intervistato sempre con le stesse domande con circa mezz’ora di disturbo. Quindi nome, cognome, codice fiscale, titoli di stato, conti correnti, lavoro, figli nome dei figli, moglie, nome della moglie, auto, moto, proprietà, affitti…. tutto quanto…e se mi rifiutavo, denuncia penale. I rom non rientrano in questo tipo di indagine in quanto non sono”schedati” come tutti gli italiani. Questa è discriminazione nei miei confronti….. questo è pura persecuzione etnica. Quindi….l’Istat è un ente fascista?????? Il maestro Bernasconi, come si pone dinnanzi a questo fatto….perché io devo essere schedato e perseguitato per indagini conoscitive dallo stato, mentre i rom non devono rientrare in questi parametri. Vigliacco, difendi solo chi ti sta bene.

  9. Andur73

    Il tuo vangelo chi l’ha scritto? Mammona?

  10. Davide

    Mettiamoci nei panni di questo Bernasconi, e cercate di comprendere che sentimenti provereste voi nei confronti di un tale che vorrebbe uccidervi la gallina delle uova d’oro.
    Ecco, alla fine non posso che comprenderlo pienamente.

  11. Gigi

    Ragazzi devo raccontarvi una storia. Quando nacqui, i miei genitori furono costretti dallo Stato a fare una cosa di un nazi-fascismo rivoltante: hanno dovuto “Registrami all’anagrafe”!!!. Sì signori, questa è la triste realtà! Lo Stato, tra l’altro, ha avuto anche l’ardire di assegnarmi un codice fiscale e una carta d’identità che, com’è noto, sono i tipici strumenti fascisti per schedare le persone. Ma non è finita…nel corso della vita sono anche stato obbligato, ogni qualvolta cambiavo residenza, a denunciare quella nuova!!!! Ma vi rendete conto?? Ogni volta che ho cambiato casa, ho sempre dovuto prontamente comunicare l’indirizzo della nuova residenza…veramente pazzesco!! Per non parlare, poi, di tutte le certificazioni e dichiarazioni varie di proprietà dell’auto, della casa, dei redditi ecc. e di tutti i controlli fiscali che da essi derivano e che “subisco” continuamente!!! Ricordo,inoltre, con orrore crescente, quando i miei genitori hanno dovuto iscrivermi a scuola, pena la denuncia per violazione dell’obbligo scolastico e quando, (ancora oggi mi vengono le lacrime agli occhi), sono stato sottoposto alla duplice violenza della schedatura connessa alla leva obbligatoria (veramente abominevole, meno male che l’hanno tolta!!) comprensiva della rilevazione di tutti i miei dati antropometrici: una cosa intollerabile in uno stato democratico!
    Devo, quindi, prendere atto che lo Stato mi ha sempre schedato come e quando più gli è parso e piaciuto e, a cadenza regolare, osa persino chiedermi conferma della loro validità.
    E allora mi chiedo: ma mentre si è lasciato che mi facessero tutto “questo”, dove CAZZO erano i paladini della sinistra e i vari Saviano & C. che adesso si stracciano le vesti per il censimento dei ROM che, come tutti sanno, sono tra le categorie più miti, mansuete e oneste del mondo??

  12. Daniele

    Menomale che c’è lei che vive il Vangelo, signor Bernasconi. E che se lo dice da solo…..

  13. pincopallino@libero.it

    Bernasconi vive il vangelo? Dalle sue parole di odio verso Salvini sembrerebbe di no. Il censimento è un atto dovuto per lo Stato, Giuseppe e Maria si sottoposero a questo editto di Roma senza fare storie. E anche i ROM e Spinti lo faranno

  14. Cristina

    Io sono di rebbio censiti dalla nascita pago le tasse da sempre in un momento in cui ero disoccupata e mio marito anche con due figli da mantenere ho chiesto un aiuto per un lavoro qualsiasi mi è stato risposto da questa gente che visto che avevo la casa non mi potevano aiutare manco si potessero mangiare i muri… Ma vaaaa! Andate x Como ad aiutare i poveri cristi che spuntano la notte e dormono sotto ai cartoni… Ma noooo non lo fanno xche lo stato x loro non s orsa 35 euro quindi possono anche morire di fame… vergogna sig. Bernasconi

  15. Grazie Roberto Bernasconi, parole chiare, oneste e soprattutto umane. La barbarie e i proclami nazisti, fascisti e razzisti della Lega giustamente trovano nella società laica e ecclesiale riprovazione e disgusto. Il 22 giugno saremmo felici di accogliere un intervento di Roberto Bernasconi all’iniziativa che l’Arci e molti altri organizzano alle 21 al Gloria con Paolo Berizzi per presentare il libro Nazitaia che della deriva antiumana giustamente denunciata dal presidente della Caritas traccia genesi e terribili prospettive. Restiamo umani. Insieme.

  16. Mario

    Da praticante resto alquanto allibito e colpito dalle parole del diacono Bernasconi. Salvini certamente ha avuto uscite non troppo felici su rom e immigrati, ma le parole che ha utilizzato il diacono certamente non si addicono al ruolo che riveste all’interno della Chiesa di Dio che è in Como. Gli consiglierei quindi di abbassare un po’ la cresta e di essere un po’ più umile, seguendo l’indicazione evangelica.

  17. Carlo Pozzoni

    W Roberto Bernasconi che da anni opera per i più deboli!

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata