Politica

Lissi: “In via Anzani c’ero. Ma non è soffiare sul fuoco per fini elettorali il nostro compito”

“C’è chi soffia scientificamente sul fuoco. Chi non agisce sul fronte sociale, culturale, dell’inclusione. C’è chi a livello nazionale taglia i fondi stanziati per le periferie delle città. E sulle tensioni, sulle divisioni, fonda le campagne elettorali”.

Patrizia Lissi, consigliera comunale del Pd a Como, spezza il silenzio di politici e amministratori sui fatti recenti di via Anzani, ma nel contempo allarga il tema. E, prima di tutto, tiene a ribattere ad alcune tesi espresse con l’articolo “Via Anzani: il coprifuoco già vacilla. Ma 32 consiglieri muti e invisibili a che servono?” 

“Io in via Anzani ci sono andata, ci sono stata. Ho parlato con abitanti e negozianti, mi sono documentata. Ma non tutti intendiamo questo lavoro come una strumentalizzazione continua, magari a fini elettorali. Ho ritenuto fosse giusto restare in silenzio, approfondire – sottolinea Lissi – Perché è indubbio che nella zona esistano dei problemi, ma origini e cause sono profonde, intrecciate. Non si possono sempre risolvere con due battute”.

“A cosa ci porta soffiare sul fuoco? – domanda la consigliera – Facile e semplicistico individuare magari soltanto nello straniero il centro di un problema, ma davvero pensiamo che non vi siano anche ragazzi italiani nella questione? E poi, in fondo, il vero tema è un altro”.

“Prendiamo proprio il caso della zona di cui fa parte anche via Anzani – dice Lissi – La precedente amministrazione, per fare un esempio, aveva sostenuto il progetto “Radici e Ali”, che puntava sull’inclusione, sulle vie dell’integrazione, sulla vitalità del quartiere. Giusto ascoltare e dare voce ai baristi, accogliere le loro tesi. Ma tutte le voci di una realtà vanno ascoltate per avere un quadro più preciso, non superficiale. Certo, è una strada faticosa. Ma se qualcuno pensa che certe tensioni si possano risolvere soltanto con ordinanze e polizia, che pure certamente in alcuni momenti specifici servono e aiutano, sbaglia di grosso. Serve iniziativa sociale e io non vedo nulla in questa direzione, adesso”.

  1. patrignani massimo
  2. Sonia

    Nel quartiere Como borghi ho trascorso la mia infanzia e sono tornata da sposata, considerandolo da sempre un quartiere vivo e accogliente .
    Negli anni la sua fisionomia è cambiata e numerose sono le attività aperte e gestite da extracomunitari, alcune delle quali ormai storiche.
    I loro figli vanno a scuola con i nostri ,si frequentano, giocano insieme al parco e frequentano le nostre case perfettamente integrati.
    Il problema non è lo staniero ma certi comportamenti, atteggiamenti ed abitudini favoriti da certe attività (a tal proposito sta aprendo un’altra sala scommesse in piazzale Gerbetto ,ne abbiamo 4in zona )
    Per avere un quadro preciso di quello che sta succedendo, bisognerebbe visionare fotografie e filmati allegati agli esposti inviati a questa amministrazione e solo successivamente rilasciare dichiarazioni su come risolvere il problema, peraltro già segnalato e ignorato dalla precedente ((esposto protocollato il 2/11/2015)

  3. Gioele

    Per fortuna in città esiste ancora chi riesce ad affrontare i problemi con umanità e intelligenza. La politica vera è questa: cercare di capire e risolvere e non buttare tutto in propaganda elettorale.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata