Politica

“Ponte vergogna, giunta Lucini senza pietà per i disabili”. Ecco l’audio di Locatelli in aula

Che il vicesindaco Alessandra Locatelli sia da sempre una picconatrice – se potesse, anche fisicamente – del ponte di via Badone, è notorio ed acclarato da tempo. Durante il mandato Lucini furono moltissime le prese di posizione e le manifestazioni a Camerlata per contestare l’opera da un milione di euro realizzata nell’ambito dell’accordo Comune-Esselunga per l’ex Trevitex di Camerlata. Nell’occhio del ciclone leghista, a dispetto della messa in sicurezza di tutti gli attraversamenti pedonali in zona, gli scalini che caratterizzano la struttura.

Come avevamo già accennato nel resoconto complessivo della seduta di consiglio comunale di lunedì scorso, il tema è tornato brevemente alla ribalta e anche questa volta con estrema forza. A innescare la miccia, sebbene senza un accenno diretto alla struttura specifica, era stata la consigliera comunale del Pd Patrizia Lissi che, nel corso del suo intervento preliminare a inizio serata aveva chiesto informazioni più nello specifico sulle condizioni dell’ex circoscrizione 3 e aveva segnalato il degrado che affligge una parte delle residenze di Camerlata, progetto nato ai tempi delle giunte Bruni.

Peraltro, l’ex circoscrizione è chiusa da lunghissimo tempo a causa di infiltrazioni e altri problemi ma lo scorso 27 aprile il Comune annunciò l’avvio dei lavori di sistemazione per 51mila euro con fine dell’intervento fissata già 2 mesi dopo. Eppure, le porte dell’ex circoscrizione non si sono ancora riaperte.

Locatelli però – nel corso di un lungo e vasto intervento preliminare su molti altri temi – ha preso la “spada” al balzo rispondendo a Patrizia Lissi ed è andata diritta sul ponte. Con parole di fuoco contro la giunta Lucini (“Vergogna, opera senza pietà per i disabili”) che potete ascoltare nella durezza integrale nell’audio Soundcloud qui sotto (freccina bianca su fondo arancione)

  1. Andreab

    Ennesima operazione di distrazione di massa per coprire sue precise responsabilità. ..

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata